Reti creative

Coordinamento: Tara Aesquivel
Un’esplorazione dei legami tra arte/cultura e chi crea, produce, media e fruisce.

Tafterjournal n. 93 - MARZO APRILE 2017

Music Industry: between indie productions and innovative startups

di Lara Limongelli

In these times we used to talk about every kind of art expression as performative acts: for visual arts and also for music. Like all performing art, also music introduces itself as a theatrical experience, an all encompassing and communal experience – the involvement of spectators for first, feelings, the emotional power from the rituals surrounding these shows, the experience. In this cultural landscape, in our times, two things seems in opposition, but they don’t: on the one hand, the introduction and the diffusion of new technologies creates open space to experimental form, sort of mash up between music, video and interactive systems ( it results from the tradition of the experimental music from 1970, with personality as Philip Glass, Laurie Anderson, Meredith Monk, Steve Reich, Robert Wilson, Peter Gabriel, Brian Eno and many more), even introducing AI (artificial intelligence[1]) or VR (virtual reality), the simple streaming vision of a live show, and also more relevant implications for music business. On the other hand, economic crisis put every musicians in the necessity of embracing new ways of sharing, creating and selling music. This necessity often is a translation of a new kind of diy (“do it yourself” practice) for musicians, producers, promoters, helped by digital technology: this is not valid only for live events (different places from the institutional ones, as record store, Blutopia [2] in Rome for example, or clubs, different tour management or self-promotion with the use of social media and video sharing) but also for single musicians, emerging bands or labels and associations. As an interesting article writes about music business – which we can extend also to music and musicians in general: “the music business has been through a number of changes in the last fifteen years, and has often found itself at odds with emerging technology (…) Decimated by piracy and services like Napster, record companies tried to adapt, first by selling mp3s and then finally agreeing to join forces with commercial streaming services like Spotify and Apple Music. Those services represent an ever-growing portion of revenue for labels and artists, but one big problem remains – they fail to make up for the loss of income due to declining CD sales. Fortunately, there are a number of new technologies that will bring major changes – and significant financial gains – to the music business.[3]”

Leggi tutto

Tafterjournal n. 92 - GENNAIO FEBBRAIO 2017

Culture Change: A neuroscientific Analysis

di Maria Di Bello

The art and health nexus has always existed, from art as a representation of healthy and sick body to art as a therapeutic tool, to accommodate an ecological conception of human-environment dynamics and becoming “context” in hospitals and healthcare facilities. In recent decades it has received more attention and art began to be the action of changes which follows the state of health, as it has been defined by the WHO (World Health Organization): not merely the absence of disease and infirmity, but a state of physical, mental and social wellbeing. The growing awareness of the social dimension of experiencing art and participation in culture, generated artistic proposals in illegitimacy areas and they became vehicles for the interpretation and transformation of the human and social reality. Interactions thus generated have opened different paths and contexts of meaning capable of building a new paradigm of reality’s knowledge. Artistic and scientific exploration have contributed to emergence of a culture of health that attempts to overcome the diversification and geographic, demographic and social stratifications of wealth. The Culture conceived in this way is a guide of public and private decision-making process, in which everyone has the opportunity to make choices towards healthier lifestyles. This metaphorical reorientation of the categories of thought and ideologies has placed art and culture as a point of interest, in an international context, of different systems: economic, political, educational, technological. In the Italian, cultural system seems to have fully transposed this paradigm shift, becoming an active subject. In a world in which the arts are increasingly forced to justify their shrinking funding, against public accusations of elitism, it is comforting to take note of insights and planning actions that museums and various cultural institutions are producing as a coherent response of “civilization” to an attentive reading of needs.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 87 - MARZO APRILE 2016

Big Exhibitions 2010-2014: Institutions, Themes, Circulation. A Global Overview and the Case of Italy

di Ilaria Taddeo

Exhibitions are a central component of the contemporary art system, as one of the favourite tools for cultural distribution, attraction of public and visibility of cultural organisations. Important instruments for the communication of scientific results and new cultural views, they have become an irreplaceable element for institutions like museums, which have strengthened the practice of exhibitions to promote and enhance their cultural offer. At the same time, in the continuous quantitative and commercial development of the art system, museums have begun to resort to exhibitions in order to attract a larger public, and exhibitions have been affected by marketing techniques. The growth of “blockbuster” exhibitions – popular and often low-quality events – is consistent with the measurement of cultural success in terms of “figures”. The most visited exhibitions, as well as the most visited museums, represent cases of brilliant success that involve in a challenge old and developing cultural contexts, giving the possibility, to institutions and entire cities, of national and international prominence. Since exhibitions have become an increasingly important element of the cultural industry, in several cases a growth in the number of these events has been observed. If the escalation of the art festivals and Biennials is a worldwide phenomenon, in Italy the amount of the exhibitions has exponentially increased in the last ten years, producing a trend –observed in France and Germany as well – that has been defined as a real “mania of exhibitions” .

Leggi tutto

Tafterjournal n. 86 - GENNAIO FEBBRAIO 2016

Arts and strategic communication in Italy and Spain: from sponsorship to corporate responsibility

di Valentina Martino e José María Herranz de la Casa

The paper investigates the rise of business communication strategies based on culture and arts in Italy and Spain. As previous researches demonstrate, cultural communication can work as a strategic asset to develop corporate identity and reputation, enabling organizations to cultivate quality long-term quality relationships with their stakeholders. From this scenario and considering the lack of a systematic European comparison, the study presents preliminary data from a comparative research on the evolution of cultural communication models (patronage, sponsorship, partnership, investment), in order to evaluate similarities and original features of the phenomenon in the two countries by means of an explorative and multi-case study approach. Communication management in organizations and private companies stands as a strategic asset and is not immune to a changing context. While the investments tend today to concentrate on digital and social media strategies (Zerfass et al., 2015), there are other trends emerging in some countries and sectors. One of these is the phenomenon of business communication strategies based on and arts, which some scholars define “corporate cultural communication” (Martino, 2010) or “corporate cultural responsibility” (Azzarita et al., 2010): such approaches see a company including artistic activities, programs, or policies in its own strategic communication policies in order to develop corporate identity and reputation.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 86 - GENNAIO FEBBRAIO 2016

Playing the Networking Game: Why You Should Know That Artist Residencies Matter

di Giorgia Gandolfini

Aspiring professional artists must undergo a tough struggle for the world to recognize them as such. Artists are increasingly required to follow qualifying academic and working career paths and are pushed to prove the originality and the necessity of their work, while demonstrating its consistency and feasibility. Also, not only resources are scarce, i.e. the dimension of the market is still restricted, adequate spaces for exhibition and productions are few and pricey, art production itself is very expensive – but also a great number of artworks saturates the art market. Despite being little known, sometimes entirely mysterious, to the non–?specialized public, artist residencies play an essential role in the artistic and professional development of artists today. As institutions, they are deeply entangled in a network of formal and informal relationships which build up what is called the art world. The benefits residencies generate by taking advantage of such networks have a great impact on artists’ career and is an important reason to know why they matter in the art system.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 81 - marzo 2015

Cultural intelligence and internationalization: An approach to cultural and creative organizations

di Marc Rocas

Cultural intelligence is defined as “a person’s capability for successful adaptation to new cultural settings, including cognitive, motivational and behavioral aspects”. This paper investigates how the adaptation processes recognized and studied in individuals can be applied to cultural and creative organizations. The aim is to discover which aspects of cultural intelligence are really relevant through detailed case studies of processes and their results. Two illustrative cases were chosen: the role of creative cities and the new music industry.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 80 - febbraio 2015

Participation and cultural industries: drawing a way through collective and collaborative creation

di Iasa Monique Ribeiro

Much has been said about co-creation and participation in cultural projects, but it seems that cultural industry is facing challenges trying to balance social impact and profitability. Participation offers powerful tools to foment development and to weaken individualism in the contemporary society, but many of the so-called participatory cultural projects limit themselves to a certain type of functionality – very similar to marketing campaigns of big corporations – and end up struggling when it comes to develop a community sense or to promote innovation.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 79 - gennaio 2015

The discovery of arts and culture as global communication media. High-visibility experiences in the Italian and international scenario

di Valentina Martino

If the powerful symbolic language related to artistic heritage can be considered the most brilliant intuition by first patrons and sponsors, during the last years the Italian scenario shows a real rush toward high-visibility cultural projects by global corporations, associating their own brands to the major monuments and artistic cities. By means of an explorative approach, the paper points to discuss trends and experiences emerging in the sector, as they highlight new risks but also strategic opportunities for both companies and the territory.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 78 - dicembre 2014

Staging the change?

di Michele Trimarchi

The change required a different storytelling; the past order was being irreversibly abandoned, the new world seemed to grant a diffused welfare, if not happiness. Only creative artists could understand that such a change implied extremely high costs: the loss of identity, and the substitution of style and details with aggressiveness and merely material outcomes.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 78 - dicembre 2014

Literature and Art: narrative paths for social-emotional education

di Rosangela Valenzano

Finally in Italy we are talking about social-emotional learning; #1oradamore is the name of the media campaign promoted by Italian journalists, artists, psychologists, researchers, and sociologists to promote the introduction of social-emotional education in Italian schools. To share feelings and take care of emotional life is an essential cultural action, especially during adolescence when social behaviours begin to take shape and approaches to and dynamics of relationships strengthen.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 76 - ottobre 2014

How to deal with an increasing western-focused world?

di Ludovica Michelin

The present world, dominated by high-speed information, easy access to knowledge and powerful cross-fertilisation of cultures, could on one hand ideally favour social and cultural integration by putting in contact different cultures, but on the other hand the shared feeling is that we are experiencing an increasing cultural globalisation, a sort of cultural holigopoly (held by the so-called western world) imposing its rules upon other cultures.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 74 - agosto 2014

Contemporary art fairs as new forms of cultural consumption and urban experience

di Enrichetta Cardinale Ciccotti

Contemporary art fairs are commercial exhibitions where art dealers meet up over the course of several days at a specific event. Nowadays they are held around the world, offering attendees the opportunity to experience in just a few days what otherwise would only be possible by travelling all over the world. This study has selected some key aspects of the contemporary art fairs expansion, focusing on their historical background and on contemporary globalization aspects of the art system. While exploring the art fairs territory, the contemporary art system often finds common grounds with attitudes observed in more-encompassing cultural and creative industries. Art fairs, as many other cultural industry events, such as music and cinema festivals or fashion weeks, share the “show – spectacle” notion in the public culture. Within this context, some analogies can be made as regards the common networking necessities of these industries, but it is also worth highlighting the emergence of art fairs effectiveness in enhancing the contemporary arts and the consumption of creative products.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 72 - giugno 2014

How African cultural festivals are using innovative methods to attract new audiences, fund and host sustainable festivals

di Mazuba Kapambwe

This paper will focus on trends within the management of African cultural festivals, particularly on aspects of attracting new audiences primarily through social media, new approaches to funding such as using crowd funding and original models of social and environmental sustainability such as the Maaya model for festivals and cultural events. This paper will use secondary research from credible sources such as the UNESCO 2013 Creative Report, African Festival Network (Afrifesnet) concept document, African Musical Festival Network and HIVOS.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 69 - marzo 2014

Analyzing the Network of the Italian Cultural Institute of Copenhagen. Reactions to the Farnesina Reform and Promotion of the Sistema Italia

di Giulia Gulotta

The Italian Cultural Institutes are not just pivotal elements of the Italian cultural diplomacy but also crucial tools to promote Italian culture and language. The Reform of the Ministry of Foreign Affairs (2010) determined a reorganization of both the internal structure of the Ministry and the international network of offices. In turn, the IICs were asked for the first time to promote abroad the whole Sistema Italia, rather than just Italian culture and language. This paper aims at analysing the network of the Italian Cultural Institute of Copenhagen to understand which were the real effects, if any, of the Reform on the Institute’s operations.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 67 - gennaio 2014

Development As A Network: A New Perspective To Evaluate Cultural Projects

di Donatella Saccone

The paper aims to show how and why network analysis turns to be a precious and complementary tool to evaluate cultural projects for local development. After reviewing the traditional project evaluation techniques, we first discuss how network analysis is able to map a series of aspects characterizing a cultural project and, especially, its sustainability. Second, we show the potentiality of this methodology by applying it to one of the 18 United Nations Joint Programmes in the area “Culture and Development”, implemented in Bosnia and Herzegovina.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 66 - dicembre 2013

Exploring the emerging model of social enterprise capital markets

di Pierpaolo Spertingati

The ways through which a social enterprise gets funding have undergone major changes in recent years. An innovative entrepreneurship vision, based on issues which are different from the traditional return on capital principle, has been brought to light asking for logical criteria not diffused in the current financial systems. In the traditional model of social enterprises, the spread of Social Venture Capital’s practices represents a breaking point. This article analyzes the theoretical and practical criteria of the Italian fund “Oltre Venture”. Such a fund combines capital, skills and entrepreneurial innovation in order to achieve more efficient and effective results, by using Venture Philanthropy principles.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 65 - novembre 2013

Il fenomeno delle start-up nel settore culturale

di Maria Matilde Albanese

In tempi recenti, politici, intellettuali, accademici e altri importanti attori della società civile hanno cominciato a riconoscere che la cultura può essere uno dei fattori trainanti per la ripresa economica e sociale del nostro paese. Durante il 2013 il governo italiano ha iniziato a prestare maggiore attenzione alle questioni legate alle start-up attraverso l’emanazione di diversi provvedimenti normativi con lo scopo di offrire una regolamentazione al fenomeno e di porre le basi per il suo sviluppo, attraverso incentivi per la creazione di nuove realtà imprenditoriali. Nonostante gli sforzi del governo, ancora non esiste una ricerca volta a comprendere gli elementi critici delle piccole realtà imprenditoriali che si occupano di cultura e creatività.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 63 - settembre 2013

Cultural hubs as powerful leverage of economic growth: Sydney and Philadelphia case studies

di Eugenia Morato

The creativity industry has become more and more important not only for workers of the cultural sector, but also for governments and local authorities. In fact, cultural policy means economical policy. The article supports the thesis that culture is a real development engine generating an economic impact, showing data of two international case histories: Sydney Opera House and the group of arts and culture organizations of the city of Philadelphia. Thus, the article highlights the growing important role played by the web, social media and digital communications strategies to reach wider audiences all over the world and to make the two cities “cultural brands”.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 62 - agosto 2013

Social Innovation and the Arts. Artists alone are not enough!

di Mariangela Lavanga e Sarah Schützle

While social innovation begins to be broadly embraced by policy-makers and scholars in the context of healthcare and education, hardly any research has been done in the fields of the arts and culture (Mulgan et al., 2007). This paper aims at exploring what social innovation means, how to foster this type of innovation and the possible links between social innovation and the arts. The authors will address those issues via the case study of the Waag Society – Institute for art, science and technology in Amsterdam, The Netherlands.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 56 - febbraio 2013

Quale musica per quali giovani?

di Ludovica Scoppola

Se ci capitasse di chiedere a un ragazzo italiano quale musica ascolta, la risposta molto probabilmente ricadrebbe su generi quali pop, rock, rap, hip-hop, ecc. e molto difficilmente ci verrebbe risposto “ascolto la musica classica”. Che l’ascolto della musica sia una delle attività più svolte dai ragazzi durante il tempo libero è un punto su cui concordano studi sia in ambito sociologico che musicale. Ma quale genere ascoltano e perché?

Leggi tutto

Tafterjournal n. 56 - febbraio 2013

Arte e infanzia. L’importanza dell’arte nello sviluppo del bambino

di Elena Bazzanini

Arte e creatività svolgono un ruolo fondamentale nell’ambito dell’evoluzione infantile, tuttavia, per molti versi, entrambe sembrano essere oggetto di scarso interesse da parte delle istituzioni. All’interno dei programmi educativi scolastici, le discipline artistiche appaiono infatti collocate in secondo piano rispetto alle altre e innegabilmente si continua a difendere la presunta preminenza dell’area cerebrale sinistra – quella del raziocinio – rispetto a quella destra – epicentro emozionale e creativo.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 55 - gennaio 2013 - numero speciale epos

Open culture, il rapporto possibile tra cultura e comunità

di Mara De Matteis

La partecipazione, già sfruttata dalla comunicazione e dal marketing, soprattutto attraverso il web 2.0, ora diventa la chiave per un deciso cambiamento sociale e culturale.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 55 - gennaio 2013 - numero speciale epos

Artisti interpreti del territorio e della comunità

di Stefania Marconi e Marta Papini

La professione dell’artista/creatore/produttore in questa nuova situazione assume contorni più flessibili e trasversali trovandosi al centro di relazioni sociali e istituzionali rispetto all’ormai lontana e superata visione dell’artista autonomo e indipendente.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 55 - gennaio 2013 - numero speciale epos

Idee culturali e nuove forme di partecipazione

di Giulia Ferrari e Valentina Gottardi

Il caso Venetian Industries Festival diventa una possibile risposta a quei bisogni culturali espressi e latenti che si identificano difficilmente nell’offerta culturale prevalente nel territorio veneto.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 55 - gennaio 2013 - numero speciale epos

Un laboratorio collettivo per il nuovo design

di Daria Casciani e Francesca Bonfrate

Oggi sono molti i giovani designer italiani che tentano di fare parte attiva della pratica progettuale tentando di esprimere la propria creatività e competenza in un contesto progettuale ostico, non particolarmente attento e consapevole delle loro necessità.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 53 - novembre 2012

La cultura dei bambini

di Martha Friel

Tra i pilastri dell’economia della cultura vi sono le teorie dell’addiction e dell’exposure: la cultura, come una droga, crea dipendenza, assuefazione e, più se ne consuma, più se ne consumerebbe. Non solo, man mano che cresce la quantità consumata, il gusto si affina e il fruitore, sempre più esperto, diventa anche produttore del proprio piacere culturale, una specie di prosumer antesignano di quello fabrisiano. Se tutto questo è vero, come sembrerebbe a livello empirico e come in ogni caso viene insegnato all’inizio di ogni corso universitario di economia dell’arte o della cultura, viene da chiedersi come mai ci si sia concentrati così poco sui consumi culturali dei bambini. Non, genericamente, dei giovani, non dei ragazzi, ma degli esseri umani da 0 a 6 anni, quelli in età prescolare.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 51 - settembre 2012

Custodire, condividere, partecipare il futuro

di Anna Eccettuato Burke e Martha Friel

L’Europa è un continente che invecchia rapidamente. In prospettiva, guardando verso il 2020, è possibile mettere in campo nuovi indirizzi e nuove idee per una migliore qualità della vita degli anziani e per un patto reale di solidarietà tra le generazioni, nell’interesse di tutti: queste sono le basi programmatiche dell’intervento che sarà sviluppato dall’Unione Europea. In quest’ottica il 2012 è l’anno dedicato alla diffusione della conoscenza di queste tematiche e allo sviluppo di un nuovo approccio culturale che dovrà orientare scelte e investimenti; proviamo ad approfondire per valutare la portata delle innovazioni che potremmo avere di fronte.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 49 - luglio 2012

Developing a museum brand to enhance awareness and secure financial stability

di Julia Ferreira de Abreu

Facing severe budget cuts, fierce competition, and being compelled to demonstrate their worth in terms of current policy to maintain ongoing funding, museums are now appraised by the experiences and benefits they generate as much as by the collections and exhibitions they display. Branding strategies, often seen in the for-profit sphere, are now also been undertaken by cutting-edge museums, recognising these as critical tools so as to enhance awareness, develop brand-customer relationships, and guarantee financial stability through continuous support and secondary revenue streams.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 47 - maggio 2012

Passeggiate-racconto al museo, un approccio ludico all’arte

di Frida Morrone

La mediazione culturale cerca di convincere i pubblici restii ad entrare nei musei d’arte a praticare tale tipo di attività. Negli ultimi sette-otto anni, il racconto è diventato una delle attività che riesce meglio di altre ad attirare i visitatori che frequentano raramente i musei, o a rinnovare il piacere di coloro che ci vengono regolarmente. Nessun segreto, la relazione tra racconto e arte è una storia d’amore antica come il mondo; le visite-spettacolo nei musei permettono di riascoltare le storie e riscoprire l’arte.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 46 - aprile 2012

Arte migrante a Milano e Provincia: le reti come strumento d’integrazione e come sfida per rilanciare il sistema dell’arte contemporanea milanese

di Daniela Frigo

Questo articolo intende presentare la nuova realtà dell’arte migrante a Milano e Provincia, fenomeno manifestatosi a partire dagli anni Settanta del secolo scorso, per illustrarne problematiche e potenzialità. Dopo aver definito i concetti di “arte straniera” e “arte migrante”, verranno delineate le criticità dell’associazione La Casa delle Culture del Mondo, istituzione artistico-culturale fondata a Milano nel 2009, e del futuro progetto La Città delle Culture, mettendole a confronto con realtà europee virtuose quali la Werkstatt der Kulturen di Berlino. Saranno quindi esposte le motivazioni storiche, politiche, sociali e sociologiche che ostacolano l’inserimento degli artisti migranti nel sistema dell’arte contemporanea milanese; il tutto verrà supportato da testimonianze rilevate attraverso interviste qualitative realizzate con gli stessi artisti. Le reti, contrariamente al sistema istituzionale, verranno infine indicate sia come potenziale strumento di integrazione, sia come fattore per rilanciare la competitività internazionale dell’arte contemporanea milanese.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 41 - novembre 2011

The evolution of cultural consumption and successful strategies for sustainable cultural management

di Silvia Ghirelli

The evolution of cultural consumption can generate important opportunities. A deeper understanding of the phenomenon can help public administrators, institutions and private organisations to create sustainable strategies for development. The paper describes the change occurring in the features of the cultural demand, trying to identify and to illustrate the implications of a new approach based upon the connection between cultural heritage management and creativity.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 39 - settembre 2011

The Street Project. Per una nuova relazione tra museo, arte e pubblico

di Marta Papini

The Street è un laboratorio di arte pubblica durato tre anni, iniziato nel 2008 da Whitechapel Gallery, istituzione culturale non profit fondata nel 1901 nell’Est End, un’area di Londra a est della City. L’analisi del case history rappresentato da The Street ha fornito lo spunto per indagare le modalità adottate da Whitechapel Gallery per operare nello spazio pubblico, gli effetti di tali interventi sull’area coinvolta e le criticità a cui è andata incontro. Più in generale tale esperienza consente di riflettere sui termini di “arte pubblica” e “arte partecipativa”; sul rapporto tra museo e spazio esterno; ed infine sulle modalità di finanziamento adottate per questa tipologia di progetti, privi – per loro natura – di un pubblico predeterminabile e difficilmente quantificabile.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 35 - maggio 2011

Patrimoni immateriali & design thinking. La “dote” di un designer nel progetto E.CH.I., Etnografie italo-svizzere per la valorizzazione del patrimonio immateriale dell’area transfrontaliera. Un’esperienza in corso

di Ilaria Guglielmetti

Il “Design Thinking”, in quanto processo sociale creativo che ruota intorno alla “costruzione” delle idee, si differenzia dal metodo lineare analitico che prevede l’esecuzione sequenziale delle fasi facendo spazio, al contrario, a fasi non lineari che possono avvenire simultaneamente o essere ripetute. Ma soprattutto dimostra la volontà di riconoscere la presenza di un “fare progettuale” diffuso. Nello specifico dei beni immateriali, tale “creatività diffusa” è prova spesso di una “intelligenza distribuita” fra le persone. E’ quanto emerge dall’analisi del progetto E.CH.I., Etnografie italo-svizzere per la valorizzazione del patrimonio immateriale dell’area transfrontaliera.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 34 - aprile 2011

Partecipazione e programmazione sociale: i Tavoli Tematici nei Piani di Zona della Provincia di Torino

di Laura Cataldi e Enrico Gargiulo

Il focus di questo contributo, che prende le mosse da una più ampia ricerca sui processi decisionali all’interno dei Piani di Zona (PdZ) nella Provincia di Torino, è costituito dalla dimensione partecipativa di politiche di programmazione sociale quali, appunto, i PdZ. Nello specifico, particolare attenzione è riservata al luogo privilegiato di sviluppo di una decisionalità a più voci: i Tavoli Tematici. Argomenti per indagare la portata partecipativa dei PdZ sono: il target dell’inclusione, gli strumenti comunicativi utilizzati, la questione della rappresentanza, le dinamiche conflittuali, l’analisi coalizionale.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 31 - gennaio 2011

Cittadellarte-Fondazione Pistoletto

di Filippo Fabbrica

“Era de maggio”, quando entrai per la prima volta a Cittadellarte-Fondazione Pistoletto. Da allora continuo a collaborare alle attività di questo grande laboratorio. È un generatore di energia creativa, che sviluppa processi di trasformazione responsabile nei diversi settori della società. Vi voglio raccontare dell’origine di questo luogo e del mio innamoramento. Se sarete abbastanza curiosi scoprirete anche perché un semplice gesto, come stendere un braccio davanti a sé, rappresenta a mio avviso l’energia vitale di Cittadellarte.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 28 - ottobre 2010

La cooperazione sociale si dà alla cultura. Il percorso del consorzio Con.Solida

di Dalia Macii e Flaviano Zandonai

L’articolo propone una rassegna dei principali risultati di un percorso di ricerca-azione promosso dal consorzio Con.Solida di Trento, volto a determinare il potenziale di sviluppo della propria rete di cooperative sociali in ambito culturale. A quali condizioni è possibile irrobustire un’offerta di servizi ancora embrionale da parte delle organizzazioni socie? E l’agenzia consortile quale ruolo può svolgere per sostenere e innovare questa offerta? Infine come individuare e coinvolgere in partnership strutturate attori dell’ambito culturale per acquisire competenze e per delineare un nuovo approccio alla produzione culturale? Le questioni affrontate, pur riferite ad un caso e ad un contesto specifico, sono apprendimenti utili per i diversi attori che individuano nell’ambito culturale un veicolo per migliorare l’efficacia degli interventi sociali.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 26 - agosto 2010

La produzione di autenticità per il mercato. Un’esplorazione nel campo della popular music

di Matteo Corciolani

Ormai da qualche tempo, le imprese tenterebbero in ogni modo di offrire prodotti che possano essere percepiti come autentici da parte dei consumatori. In effetti, sembra che sia soprattutto in questo modo che possano ottenere un certo successo di mercato. Ma sono effettivamente in grado di proporre qualcosa di autentico? Di fronte a questo interrogativo, il presente articolo si propone di esaminare alcuni aspetti chiave dell’offerta di autenticità e, analizzando in particolare l’evoluzione dei significati del concetto di autenticità nel contesto della popular music, cerca di individuare le modalità con cui gli operatori di tale settore starebbero cercando di offrirla al mercato.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 23 - maggio 2010

Una televisione del teatro o una televisione sul teatro? Idee e riflessioni per istituire un canale tematico di servizio pubblico per lo spettacolo dal vivo

di Bruno Zambardino

Il 27 marzo 2010 l’Italia ha celebrato, per la prima volta, la Giornata Mondiale del Teatro. Rallegra pensare che la manifestazione è stata lanciata dall’Unesco a Vienna nel 1961. Infatti, se a distanza di quasi cinquant’anni abbiamo deciso di aderire alla Festa del Teatro, allora possiamo ben sperare che un altro passo avanti nella rivalutazione dello spettacolo dal vivo è stato finalmente compiuto.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 20 - febbraio 2010

Movie design e brand experience

di Marisa Galbiati

Le grandi marche hanno esplorato e sperimentato tutti gli aspetti della comunicazione, dall’advertising alle pubbliche relazioni, dagli eventi al guerrilla marketing. Solo poche però hanno saputo coniugare l’asset del business con il tema della sostenibilità, intesa come cultura etica ed estetica, del bello e utile. Gli esempi che abbiamo riportato sono collocabili nel perimetro di questa rinnovata ricerca della qualità, intesa come una priorità a cui guardare per rendere migliore il mondo in cui viviamo. Il pensiero strategico della marca è oggi al centro di molte riflessioni sul presente e sul futuro delle merci e dei mercati. Sappiamo che un prodotto diventa brand attraverso una serie complessa di azioni, alcune delle quali sviluppate nell’ambito del marketing, altre nella sfera della comunicazione. E sappiamo anche che l’azienda esprime una domanda di comunicazione sempre molto elevata, a fronte di cospicui investimenti, poiché è la comunicazione che permette quella percezione positiva della marca che sta alla base di un processo di acquisto consapevole.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 19 - dicembre 2009/gennaio 2010

Nuovi orientamenti museali e spazi educativi: l’ateliers des enfants come centro di cultura ludica e ponte culturale tra museo e pubblico

di Paola Oliveri

In questo articolo è stato riportato uno studio effettuato sugli Ateliers des enfants, realtà didattico-museali realizzate per ora soltanto in Francia, in Belgio, in Svizzera e Lussemburgo. Grazie ad un confronto a livello europeo e ad una scheda di valutazione, sono stati identificati aspetti significativi e caratteristiche tali da permettere la creazione di un Modello di Atelier, che pur mantenendo grande flessibilità, possa essere inserito in qualsiasi contesto museale, senza snaturare i principi ispiratori, le finalità, e gli obiettivi educativi.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 18 - novembre 2009

Musei e disabili: il caso veneto

di Laura Monzardo

L’unico vero viaggio … sarebbe non andare verso nuovi paesaggi, ma avere altri occhi, vedere l’universo con gli occhi di un altro, di cento altri, vedere i cento universi che ciascuno vede, che ciascuno è. Così scrisse Marcel Proust in una delle sue opere. Nel corso degli anni sono stati scritti numerosi testi sui musei, le loro attività, i servizi, l’allestimento e altro ancora, ma ben poco è stato pubblicato invece in materia di disabilità in rapporto agli stessi. Porsi nell’ottica di vedere il mondo da una diversa prospettiva, significa mettersi in discussione e rivalutare, sotto altra lente, tutto ciò che ci circonda. Questo lavoro si propone di raccogliere alcuni dati e cercare di leggerli, lasciando trarre al lettore le proprie conclusioni, magari come spunto per future ricerche.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 14 - giugno 2009

Impresa sociale e cultura

di Flaviano Zandonai e Dalia Macii

L’impresa sociale rappresenta un’importante innovazione nel settore no profit. In Italia la sua affermazione è fin qui legata a una specifica forma giuridica (la cooperativa sociale) e a un ben definito settore (i servizi di welfare). L’approvazione di una recente normativa che amplia le attività e i modelli giuridici apre però nuovi scenari, anche in ambito culturale. A partire dai principali apprendimenti che derivano da una rilettura storico-evolutiva della cooperazione sociale e dall’analisi delle dinamiche più recenti che caratterizzano le forme organizzative della cultura è possibile delineare il potenziale di sviluppo di questa inedita tipologia d’impresa, riconoscendola non solo come un fenomeno “di nicchia”, ma come una nuova forma istituzionale.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 11 - febbraio 2009

Quando l’arte produce effetti sull’ambiente

di Giulia Agusto

Il mondo anglosassone è stato il primo a riservare una grande attenzione al rapporto esistente tra l’arte e l’ambiente, ed in misura più precisa all’impatto ambientale provocato dall’arte e dagli eventi. Sebbene esso sia misconosciuto, merita una grande attenzione anche in termini di politiche. Sono di provenienza anglosassone anche gli standard per la salvaguardia ambientale elaborati esclusivamente per il settore.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 10 - dicembre 2008 - gennaio 2009

Strutture narrative e metalinguaggi design-oriented per la fruizione del patrimonio culturale

di Raffaella Trocchianesi

Progettare la fruizione del patrimonio culturale attraverso un approccio design oriented significa trasferire processi d’innovazione nell’ambito culturale a partire dalle risorse locali e dalle specificità del luogo in oggetto. Il design per la valorizzazione dei beni culturali prevede un approccio sistemico che costituisce il valore aggiunto in grado di “dar forma” a specifici concept in termini di strategic design, communication design, interior/exhibit design, product design.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 3 - aprile 2008

Il granting a favore degli eventi espositivi

di Francesca Gambetta

Nel corso degli ultimi decenni, il mercato culturale ha visto la nascita di un nuovo prodotto: quello delle esposizioni temporanee. Dal punto di vista della produzione dei beni e dei servizi culturali è forse l’evento più interessante dopo la svolta commerciale dei musei. Anche in Italia negli ultimi anni la produzione di mostre è cresciuta in modo esponenziale, in ragione sia del ricco patrimonio culturale del nostro paese e della presenza di un numero eccezionale di strutture (oltre 4000 musei), sia, in misura diversa da realtà a realtà, della creatività, dell’esperienza e delle competenze scientifiche necessarie per realizzare progetti espositivi.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 2 - gennaio 2008

Il contesto museale e i suoi pubblici: una definizione integrata

di Luca Guerrieri

La crescita dell’interesse verso i musei e i beni culturali è oramai ben più che una sensazione diffusa: anche se i tassi di consumo culturale nel nostro Paese presentano ampi margini di crescita, è assai significativo che negli ultimi anni l’ISTAT registri un sostanziale incremento di coloro che si sono recati almeno una volta a visitare mostre e musei. Siamo oggi di fronte ad un contesto competitivo profondamente mutato, caratterizzato dalla diminuzione di fondi pubblici e dall’allargamento dell’offerta di intrattenimento.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 1 - ottobre 2007

Cultura per tutti, tutti per la cultura?

di Emilio Cabasino

La nascita di questo giornale rappresenta una buona occasione per proporre un ragionamento che mi auguro vivace e costruttivo, ma lontano da posizioni ideologiche, sul valore e sul posizionamento della cultura nella nostra vita quotidiana, scandita da ritmi sempre più rapidi e allargata a confini pressoché illimitati dalla tecnologia e dalla globalizzazione.

Leggi tutto