- Tafter Journal - https://www.tafterjournal.it -

Dove va la cultura? Un sestante per il futuro

Scritto da Michele Trimarchi il 1 Settembre 2011 in Editoriali

Stiamo seppellendo un mondo che ci sembrava perfetto ed era soltanto anabolizzato. La cosa dura ormai da un poco, ma soltanto negli ultimi mesi è diventata talmente forte e intensa da non poter fare più finta di niente. E non diciamo, per favore, che a morire è la cultura: il terrore dei barbari, veri o presunti, è soltanto l’ennesimo alibi per tentare di far durare un paradigma che in fondo sembrava protettivo e comodo.

Al contrario, la cultura è l’unica che sopravviverà, dopo essersi salvata da un sistema lungo più di due secoli che ha cercato in tutti i modi di appropriarsene dileggiandola e drammatizzandola. Generazioni brutali in fabbrica e in ufficio, facili all’adulterio e a molte altre nefandezze ma affascinate dalla possibilità di singhiozzare all’opera, di svenire nei musei, di commuoversi in un sito archeologico.

E’ stato un mondo fatto di prospettive dimensionali, in cui i valori all’orizzonte erano la quantità di denaro, di reati, di servi sciocchi e di furbi adulanti. Ha inscatolato l’arte in depositi di lusso e ha premiato l’erudizione (altra mania dimensionale) a danno della curiosità e dell’interpretazione. Ma non sempre le dimensioni muscolari sono sintomo di capacità e di intelligenza, come insegnano molte fiabe imperiture.

Come l’esercito degli Stati Uniti è stato beffato tanto in Vietnam quanto in Afghanistan, così da noi si continua, senza alcun costrutto, a dare i numeri: abbiamo tre quarti del pa-trimonio culturale mondiale, ogni euro speso in cultura ne genera diciassette, siamo la patria dell’opera e così via; pare che le bugie scioviniste siano diventate così tanto di moda nel Bel Paese. Dove andremo a finire?

Puntiamo il sestante in modo corretto, e ci darà qualche suggerimento. Innanzitutto, ci mostrerà che il mondo dal quale veniamo è stata una lunga e forzata interruzione di un ordine millenario, fatto di valori complessi e di visioni semplici; altro che età dell’oro. Poi orienterà il nostro sguardo verso la forma che il mondo aveva prima della rivoluzione industriale: un reticolo di città spesso bellissime, piene di vita e di allegria.

Luoghi in cui la bellezza non era occultata in depositi surreali e protetta da una biglietteria, ma visibile e godibile da tutti anche solo passeggiando per le vie; in cui le piazze esprimevano la propria vocazione teatrale già nella forma dei propri edifici e delle proprie decorazioni; in cui la comunità partecipava alla vita pubblica, pur non votando in tarda primavera, e gli artisti ne facevano parte con la massima normalità.

Non importava attribuirsi la patente di “persona colta”, i pennacchi servivano ad altro o forse a ben poco. Certo, qualcuno a teatro si faceva un bel pianto, ma le commedie e l’ironia circolavano senza essere considerate di rango inferiore (Goethe, che provava a resistere al nuovo ordine, diceva che solo gli stupidi trovano il genere drammatico superiore a quello comico). Il mondo sapeva ancora ridere di sé stesso.

Così, dopo che le nebbie si saranno diradate e la nostra navigazione a vista riprenderà stupefatta e divertita, ritroveremo città belle e affollate, comunità desiderose di partecipare e condividere, artisti confusi tra la folla, torneremo capaci di ridere e di vedere il mondo a colori. I segni vanno tutti in questa direzione, invadono gli spazi urbani con le tracce fertili e intense di una cultura che appartiene a tutti.

Torneremo al Medioevo? No, di certo. Semplicemente andremo verso l’evoluzione della specie umana, per la quale l’ansia da prestazione del capitalismo manifatturiero era in definitiva innaturale. I segni sono tanti, e i saggi di Papini su The Street Project e di Celano e Chirico sul riuso degli stabili industriali a Biella li mettono a fuoco con eloquente acutezza. Festival, public readings, street art, nuovi committenti: tutto converge.

L’offerta culturale del nostro prossimo futuro è la forma della città, l’approccio della comunità, l’integrazione sociale, il multiculturalismo, l’allegria narrativa condivisa, la mescolanza tra la curiosità del fruitore e l’empito creativo dell’artista, la bellezza quotidiana, l’ironia scanzonata e sagace che ci salverà dalle visioni apocalittiche; e i valori andranno ad adagiarsi sul tempo, sulle relazioni, sul silenzio, sulla contemplazione.

Senza dimenticare che la cultura è l’unico fenomeno che caratterizza la specie umana tra tutti gli esseri animati; esploriamone con energia il bel divenire dei prossimi anni.

  • [1]

Creative Commons License [11]
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 4.0 International License [11]

Articolo stampato da Tafter Journal: https://www.tafterjournal.it

URL dell'articolo: https://www.tafterjournal.it/2011/09/01/dove-va-la-cultura-un-sestante-per-il-futuro/

URLs in this post:

[1]

  • : http://twitter.com/intent/tweet?text=%3C%21--%3Ait--%3EDove%20va%20la%20cultura%3F%20Un%20sestante%20per%20il%20futuro%3C%21--%3A--%3E%20-%20https%3A%2F%2Fwww.tafterjournal.it%2F2011%2F09%2F01%2Fdove-va-la-cultura-un-sestante-per-il-futuro%2F%20

    [2]

  • : http://www.myspace.com/Modules/PostTo/Pages/?u=https%3A%2F%2Fwww.tafterjournal.it%2F2011%2F09%2F01%2Fdove-va-la-cultura-un-sestante-per-il-futuro%2F&t=%3C%21--%3Ait--%3EDove%20va%20la%20cultura%3F%20Un%20sestante%20per%20il%20futuro%3C%21--%3A--%3E

    [3]

  • : http://digg.com/submit?phase=2&url=https%3A%2F%2Fwww.tafterjournal.it%2F2011%2F09%2F01%2Fdove-va-la-cultura-un-sestante-per-il-futuro%2F&title=%3C%21--%3Ait--%3EDove%20va%20la%20cultura%3F%20Un%20sestante%20per%20il%20futuro%3C%21--%3A--%3E&bodytext=Stiamo%20seppellendo%20un%20mondo%20che%20ci%20sembrava%20perfetto%20ed%20era%20soltanto%20anabolizzato.%20La%20cosa%20dura%20ormai%20da%20un%20poco%2C%20ma%20soltanto%20negli%20ultimi%20mesi%20%C3%A8%20diventata%20talmente%20forte%20e%20intensa%20da%20non%20poter%20fare%20pi%C3%B9%20finta%20di%20niente.%20E%20non%20diciamo%2C%20per%20favore%2C%20che%20a%20morire%20%C3%A8%20la%20cultura%3A%20il%20terrore%20dei%20barbari%2C%20veri%20o%20presunti%2C%20%C3%A8%20soltanto%20l%E2%80%99ennesimo%20alibi%20per%20tentare%20di%20far%20durare%20un%20paradigma%20che%20in%20fondo%20sembrava%20protettivo%20e%20comodo.%0D%0AAl%20contrario%2C%20la%20cultura%20%C3%A8%20l%E2%80%99unica%20che%20sopravviver%C3%A0%2C%20dopo%20essersi%20salvata%20da%20un%20sistema%20lungo%20pi%C3%B9%20di%20due%20secoli%20che%20ha%20cercato%20in%20tutti%20i%20modi%20di%20appropriarsene%20dileggiandola%20e%20drammatizzandola.%20Generazioni%20brutali%20in%20fabbrica%20e%20in%20ufficio%2C%20facili%20all%E2%80%99adulterio%20e%20a%20molte%20altre%20nefandezze%20ma%20affascinate%20dalla%20possibilit%C3%A0%20di%20singhiozzare%20all%E2%80%99opera%2C%20di%20svenire%20nei%20musei%2C%20di%20commuoversi%20in%20un%20sito%20archeologico.

    [4] Image: http://www.stumbleupon.com/submit?url=https%3A%2F%2Fwww.tafterjournal.it%2F2011%2F09%2F01%2Fdove-va-la-cultura-un-sestante-per-il-futuro%2F&title=%3C%21--%3Ait--%3EDove%20va%20la%20cultura%3F%20Un%20sestante%20per%20il%20futuro%3C%21--%3A--%3E

    [5]

  • : http://www.google.com/bookmarks/mark?op=edit&bkmk=https%3A%2F%2Fwww.tafterjournal.it%2F2011%2F09%2F01%2Fdove-va-la-cultura-un-sestante-per-il-futuro%2F&title=%3C%21--%3Ait--%3EDove%20va%20la%20cultura%3F%20Un%20sestante%20per%20il%20futuro%3C%21--%3A--%3E&annotation=Stiamo%20seppellendo%20un%20mondo%20che%20ci%20sembrava%20perfetto%20ed%20era%20soltanto%20anabolizzato.%20La%20cosa%20dura%20ormai%20da%20un%20poco%2C%20ma%20soltanto%20negli%20ultimi%20mesi%20%C3%A8%20diventata%20talmente%20forte%20e%20intensa%20da%20non%20poter%20fare%20pi%C3%B9%20finta%20di%20niente.%20E%20non%20diciamo%2C%20per%20favore%2C%20che%20a%20morire%20%C3%A8%20la%20cultura%3A%20il%20terrore%20dei%20barbari%2C%20veri%20o%20presunti%2C%20%C3%A8%20soltanto%20l%E2%80%99ennesimo%20alibi%20per%20tentare%20di%20far%20durare%20un%20paradigma%20che%20in%20fondo%20sembrava%20protettivo%20e%20comodo.%0D%0AAl%20contrario%2C%20la%20cultura%20%C3%A8%20l%E2%80%99unica%20che%20sopravviver%C3%A0%2C%20dopo%20essersi%20salvata%20da%20un%20sistema%20lungo%20pi%C3%B9%20di%20due%20secoli%20che%20ha%20cercato%20in%20tutti%20i%20modi%20di%20appropriarsene%20dileggiandola%20e%20drammatizzandola.%20Generazioni%20brutali%20in%20fabbrica%20e%20in%20ufficio%2C%20facili%20all%E2%80%99adulterio%20e%20a%20molte%20altre%20nefandezze%20ma%20affascinate%20dalla%20possibilit%C3%A0%20di%20singhiozzare%20all%E2%80%99opera%2C%20di%20svenire%20nei%20musei%2C%20di%20commuoversi%20in%20un%20sito%20archeologico.

    [6]

  • : http://reporter.es.msn.com/?fn=contribute&Title=%3C%21--%3Ait--%3EDove%20va%20la%20cultura%3F%20Un%20sestante%20per%20il%20futuro%3C%21--%3A--%3E&URL=https%3A%2F%2Fwww.tafterjournal.it%2F2011%2F09%2F01%2Fdove-va-la-cultura-un-sestante-per-il-futuro%2F&cat_id=6&tag_id=31&Remark=Stiamo%20seppellendo%20un%20mondo%20che%20ci%20sembrava%20perfetto%20ed%20era%20soltanto%20anabolizzato.%20La%20cosa%20dura%20ormai%20da%20un%20poco%2C%20ma%20soltanto%20negli%20ultimi%20mesi%20%C3%A8%20diventata%20talmente%20forte%20e%20intensa%20da%20non%20poter%20fare%20pi%C3%B9%20finta%20di%20niente.%20E%20non%20diciamo%2C%20per%20favore%2C%20che%20a%20morire%20%C3%A8%20la%20cultura%3A%20il%20terrore%20dei%20barbari%2C%20veri%20o%20presunti%2C%20%C3%A8%20soltanto%20l%E2%80%99ennesimo%20alibi%20per%20tentare%20di%20far%20durare%20un%20paradigma%20che%20in%20fondo%20sembrava%20protettivo%20e%20comodo.%0D%0AAl%20contrario%2C%20la%20cultura%20%C3%A8%20l%E2%80%99unica%20che%20sopravviver%C3%A0%2C%20dopo%20essersi%20salvata%20da%20un%20sistema%20lungo%20pi%C3%B9%20di%20due%20secoli%20che%20ha%20cercato%20in%20tutti%20i%20modi%20di%20appropriarsene%20dileggiandola%20e%20drammatizzandola.%20Generazioni%20brutali%20in%20fabbrica%20e%20in%20ufficio%2C%20facili%20all%E2%80%99adulterio%20e%20a%20molte%20altre%20nefandezze%20ma%20affascinate%20dalla%20possibilit%C3%A0%20di%20singhiozzare%20all%E2%80%99opera%2C%20di%20svenire%20nei%20musei%2C%20di%20commuoversi%20in%20un%20sito%20archeologico.

    [7]

  • : http://sphinn.com/index.php?c=post&m=submit&link=https%3A%2F%2Fwww.tafterjournal.it%2F2011%2F09%2F01%2Fdove-va-la-cultura-un-sestante-per-il-futuro%2F

    [8]

  • : http://www.tumblr.com/share?v=3&u=https%3A%2F%2Fwww.tafterjournal.it%2F2011%2F09%2F01%2Fdove-va-la-cultura-un-sestante-per-il-futuro%2F&t=%3C%21--%3Ait--%3EDove%20va%20la%20cultura%3F%20Un%20sestante%20per%20il%20futuro%3C%21--%3A--%3E&s=Stiamo%20seppellendo%20un%20mondo%20che%20ci%20sembrava%20perfetto%20ed%20era%20soltanto%20anabolizzato.%20La%20cosa%20dura%20ormai%20da%20un%20poco%2C%20ma%20soltanto%20negli%20ultimi%20mesi%20%C3%A8%20diventata%20talmente%20forte%20e%20intensa%20da%20non%20poter%20fare%20pi%C3%B9%20finta%20di%20niente.%20E%20non%20diciamo%2C%20per%20favore%2C%20che%20a%20morire%20%C3%A8%20la%20cultura%3A%20il%20terrore%20dei%20barbari%2C%20veri%20o%20presunti%2C%20%C3%A8%20soltanto%20l%E2%80%99ennesimo%20alibi%20per%20tentare%20di%20far%20durare%20un%20paradigma%20che%20in%20fondo%20sembrava%20protettivo%20e%20comodo.%0D%0AAl%20contrario%2C%20la%20cultura%20%C3%A8%20l%E2%80%99unica%20che%20sopravviver%C3%A0%2C%20dopo%20essersi%20salvata%20da%20un%20sistema%20lungo%20pi%C3%B9%20di%20due%20secoli%20che%20ha%20cercato%20in%20tutti%20i%20modi%20di%20appropriarsene%20dileggiandola%20e%20drammatizzandola.%20Generazioni%20brutali%20in%20fabbrica%20e%20in%20ufficio%2C%20facili%20all%E2%80%99adulterio%20e%20a%20molte%20altre%20nefandezze%20ma%20affascinate%20dalla%20possibilit%C3%A0%20di%20singhiozzare%20all%E2%80%99opera%2C%20di%20svenire%20nei%20musei%2C%20di%20commuoversi%20in%20un%20sito%20archeologico.

    [9]

  • : http://www.google.com/reader/link?url=https%3A%2F%2Fwww.tafterjournal.it%2F2011%2F09%2F01%2Fdove-va-la-cultura-un-sestante-per-il-futuro%2F&title=%3C%21--%3Ait--%3EDove%20va%20la%20cultura%3F%20Un%20sestante%20per%20il%20futuro%3C%21--%3A--%3E&srcURL=https%3A%2F%2Fwww.tafterjournal.it%2F2011%2F09%2F01%2Fdove-va-la-cultura-un-sestante-per-il-futuro%2F&srcTitle=Tafter+Journal+Esperienze+e+strumenti+per+cultura+e+territorio

    [10] Dove va la cultura? Un sestante per il futuro - https://www.tafterjournal.it/2011/09/01/dove-va-la-cultura-un-sestante-per-il-futuro/" data-url="https://www.tafterjournal.it/2011/09/01/dove-va-la-cultura-un-sestante-per-il-futuro/" class="twitter-share-button" data-count="horizontal">Tweet: https://twitter.com/share

    [11] Image: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/4.0/

  • Copyright © 2009 Tafter Journal. Tutti i diritti riservati.