Articoli taggati con ‘governance’

Tafterjournal n. 91 - NOVEMBRE DICEMBRE 2016

Taranto: a Social Innovation Lab

di Giovanna Sonda

Since many years European policies have acknowledged culture as a key factor for the development of cities and regions and as a pillar of innovation and social cohesion (ECIA 2014; EU 2013). Nonetheless, it is not yet clear how to measure the impacts of cultural initiatives, especially with respect to intangible aspects such as sense of belonging, social capital, empowerment, and quality of life in peripheral neighbourhoods and post-industrial cities. The evaluation of the impacts of cultural policies usually refers to economic indicators, such as the increase of employment and the wealth produced by the so called ‘Cultural and Creative Industries’ (CCI) (Symbola 2015; Ernst&Young 2014; KEA 2012), or the contribution of big events, such as the European Capital of Culture (ECoC) to urban regeneration (Garcia e Cox 2013; Palmer et al. 2012, Garcia et al. 2010; Johnson 2009). There are several examples of industrial cities that experienced an economic renaissance and a redefinition of their identity and image thanks to specific cultural policies. Liverpool, Turin, Bilbao, Marseille, Genk are well known cities where culture played a strategic role becoming a real economic sector and a pillar of the new development model. If the results in terms of wealth, attractiveness and tourism are more evident and measurable, it is far more difficult to understand the role of culture as an agent of local development processes. This implies the observation of phenomena when they are still emerging and thus cannot be labelled within traditional classification frameworks or measured by means of statistics. Accordingly, the number of new cultural and creative enterprises or the increase of tourists are not useful indicators to measure the innovative potential and social impact of such initiatives. Instead, it is crucial to map the spontaneous clustering dynamics bringing local actors to aggregate, to develop projects and to cooperate with institutions and public administrations (Comunian 2011). This means to investigate what happens in the backstage to identify the preconditions enabling or impeding the emerging and strengthening of a creative milieu.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 83 - LUGLIO AGOSTO 2015

Where is Berlin? Too many (virtual) walls shape the town and its communities

di Chiara Donelli

Whenever approaching a city for the first time there are different ways, patterns, walls, and stories to unearth its hidden string. I moved to Berlin in Ma, 2014 and suddenly, even before my arrival, I was already playing the most popular sport of the city: speaking about Berlin. This sport has been played with abandon by both recent newcomers to the city and long time Berliners. Such a crowded curiosity makes almost impossible to craft a suitable answer to the main question: where is Berlin? If we want to interpret and understand the city as the backbone for fertile arts field we need to start from the development and diversification of its cultural spaces.

Leggi tutto

Il governo della cultura. Promuovere sviluppo e qualità sociale

di Francesca Quadrelli

Una guida illuminata da una carriera accademica e professionale dedicata ai temi dell’economia della cultura e della creatività è l’ultimo lascito di Walter Santagata, recentemente scomparso, alla classe dirigente italiana.

Leggi tutto

La valorizzazione del Patrimonio culturale: verso la definizione di un modello di governance

di Fabiana Lanfranconi

La valorizzazione del patrimonio culturale è un tema multidisciplinare, per la cui lettura ed analisi è necessario un approccio capace di conciliare competenze economiche, manageriali ed umanistiche. Il volume “La valorizzazione del Patrimonio culturale: verso la definizione di un modello di governance” curato da Claudia Maria Golinelli, intende evidenziare la fruttuosa interazione e la continua valorizzazione reciproca tra tre ambiti apparentemente lontani e privi di legami: cultura, impresa e territorio.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 30 - dicembre 2010

Quell’azzurro che tutti aspettiamo: le Fondazioni culturali del “quasi non profit”

di Alessandro Hinna

Nel terzo settore italiano si registra un particolare miscuglio di pubblico e privato, che caratterizza molti Enti che intervengono in ambiti tipici del non profit, testimonianza, questa, della storia di un settore che si presenta strettamente correlato al processo di riforma dello Stato sociale e di trasformazione della Pubblica Amministrazione. In molti, negli ultimi tempi, hanno evidenziato come il generale slittamento istituzionale delle attività di policy verso Regioni ed Enti locali – sommato alle varie forme di coinvolgimento della comunità e, quindi, alla nuova organizzazione degli attori – rappresenti una risposta adattiva della Pubblica Amministrazione (centrale e locale), di fronte alla restrizione delle risorse economiche disponibili e all’esigenza di meglio articolare la produzione e l’offerta di beni pubblici.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 30 - dicembre 2010

Possiamo ancora permetterci di non ascoltare?

di Stefano Monti

Abbiamo scelto di chiudere l’anno pubblicando due articoli che delineano, dal nostro punto di vista, un passaggio cardine per la comprensione delle modalità attraverso cui gli attuali strumenti operativi possono essere messi a disposizione del Terzo Settore, del non profit e del sociale. Ci teniamo a distinguere tali ambiti con grande attenzione, perché molti, anche tra gli operatori del comparto, tendono ad accomunarli e renderli sinonimi, quando in realtà non lo sono. Il percorso di lettura che vorremmo tracciare è quello dello sviluppo del Terzo Settore come mezzo per promuovere nella comunità locale, la “cultura del dare, come valore sociale esteso”. Lettura che noi riteniamo fondamentale e non più procrastinabile a causa dell’accentuarsi delle dinamiche di differenziazione della società, dinamiche che rendono necessario ripensare lo sviluppo dello Stato Sociale promuovendo la partecipazione e l’assunzione di responsabilità di una parte consistente della comunità.

Leggi tutto

Siti archeologici e management pubblico in Sicilia. L’esperienza del Parco della Valle dei Templi

di Federica Dian

La legge regionale sui parchi archeologici in Sicilia (L.r. 20/2000), ha introdotto un modello innovativo di gestione, il Parco archeologico e paesaggistico della Valle dei Templi di Agrigento. Se da un lato l’autore sottolinea la valida intuizione di creare un “sistema dei parchi archeologici”, dall’altro il processo di managerializzazione risulta incompleto, manifestando i limiti del modello in termini di accountability e responsabilizzazione gestionale.

Leggi tutto

Lo sviluppo territoriale nell’economia della conoscenza: teorie, attori, strategie

di Giulia Agusto

Il legame tra produzione di conoscenza e sviluppo territoriale, sebbene poco immediato ed intuitivo, costituisce un tema di indagine assolutamente imprescindibile allorché si intenda parlare di “cultura di un territorio” e del suo sviluppo.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 17 - ottobre 2009

La forza delle comunità locali e del capitale umano

di Manuela Ricci

Credo si possa affermare con una certa tranquillità che il nostro futuro dipende dalla capacità che il Paese avrà di imprimere una svolta all’accrescimento della qualità del suo capitale umano. La situazione attuale della formazione, a tutti i livelli scolastici e universitari, è piuttosto critica per la carenze di risorse economiche e umane; oltretutto è critica a fianco della carenza quantitativa anche quella qualitativa. I sistemi di valutazione in Italia stentano ad affermarsi.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 1 - ottobre 2007

Ricchi di territorio: puntare sulla coscienza civica

di Manuela Ricci

Territorio è divenuto ormai una parola “densa”, densa di significati, di progetto, di aspettative, non solo per gli urbanisti, che da sempre lo frequentano, ma anche per gli economisti e per gli operatori della cultura. Territorio è un coacervo di luoghi fisici, di comunità che lo abitano e lo attraversano, di forze e […]

Leggi tutto