Gestire cultura

Coordinamento: Mercedes Giovinazzo
Il tema del management culturale al centro di riflessioni sulle modalità organizzative, le strategie d’azione e i meccanismi economici che animano un settore fluido e complesso.

Tafterjournal n. 93 - MARZO APRILE 2017

Museums’ visitors in Italy

di Silvia Cacciatore

In a country where cultural participation generates alarming negative numbers (in 2015, 68.3% of the Italian population has never entered a museum [1] ), it becomes crucial to understand the new public and study suitable strategies for a cultural proposal able to better reflect their interests. Indeed, although this percentage is on the rise compared to the trend of recent years, there is a kind of cultural impoverishment, which concerns not only the museum, but also publishing, theater, music and dance. The 88.3% of the total population of our country in 2015 has never attended a classical music concert, 78.8% have never seen a play, 51.9% have never read a newspaper, 56.5% has never opened a single book [2]. It has often been attempted to reduce analysis of public museum culture to a series of data, more or less accurate, more or less exemplary, rather than to a basic theory that you intend to demonstrate and posit as a significant idea and a related cultural marketing strategy. It will be to demonstrate, id est, with the data, the validity of an idea, sometimes deforming the correct reading and interpretation. What is sometimes forgotten is the exact opposite: the need to gather facts on a phenomenon under investigation, and then let the data talk, so that a sense can be drawn from their links and their possible interrelationships. In his “L’analyse des données”, Jean- Paul Benzecri, founder of a scientific discipline related to data analysis, wrote: «The model must follow the data, not vice versa [3] ». It is then the daunting task for the researcher to find a connection, if any, between numbers which may be sometimes discordant or present apparently low affinity.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 92 - GENNAIO FEBBRAIO 2017

The territory and the small museums: The Case of Piemonte

di Valeria Minucciani

In the overview of the museum offer, are the “small museums” a separate category? What are the characteristics of a “small museum” and what are the specific necessities? What are the weaknesses and the strengths? The example of Piemonte shows the extreme prosperity of the “small museums” heritage and also their tight relationship with the territory, but it highlights some points still unresolved. The paper enlightens some scenarios on which it is necessary to intervene with specific actions, underlining the profiles on which it is important to reflect.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 91 - NOVEMBRE DICEMBRE 2016

Arts Management Industries and Value Creation

di Enrico Marchesi

The increasing importance of the management in the Art Industries has focused the attention on the fundamental role of economic skills, but in order to manage a cultural organization a manager has to pay attention to other non-economic abilities. Everyday newspapers and media talk about the renewed interest in culture and tell about new possibilities to make up a business in the cultural sector, but they rarely explore the qualities that are required to be a good and trained cultural manager. Arts Industries, that are a part of the larger sector of CCIs (for more details about CCIs [1]), are a field in which management’s soft skills and attitudes as entrepreneurial, leadership and intuition are as important as managerial issues. This article describes the role of Arts Industries and the role of managers in the creation of value. The importance of cultural management is recent achievement, but in a brief period, this profession has reached a high consideration in the CCI sector [2]. In the first paragraph, the article describes the role of Arts Industries and the role of Cultural managers in the process of value creation, focusing on the double goals that Cultural managers should aim at: the quality of the cultural proposal and the need to create economic sustainability for the organization they’re working for. Paragraph two introduces the kind of values that Arts Industries are able to produce. These are both economic and social, because culture can influence not only business, but also communities and territories. Last paragraph of the article concerns some examples of Art Industries and CCIs that have been able to create profits and jobs or social inclusion and social development.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 89 - LUGLIO AGOSTO 2016

Trust against fear. The Role of Culture and the Future of Europe

di Alfonso Valentino Casalini e Luca Jahier

In a fragile political and economic framework, the attention to the role that culture can play in creating the bass for the future of Europe is growing rapidly. This paper investigates the impacts that culture create in several aspects of our lives: from the social cohesion to the economic development, from the mechanisms through which culture shapes our cities to the awareness of the sense of our lives resulting from knowledge. Finally, in this paper we would like to point out the links that relate culture, economic development and intangible assets such as feeling of identity and trust. The paper compare the evidence emerging from a recent paper commissioned by the European Economic and Social Committee with the insights provided by several literature reviews and the results of specific projects dealing with culture and social dynamics. In the first chapter, we present the study, comparing several ways to look at the phenomena involved in the process of trust building; in chapter 2 we will underline the relevance of intangible assets such as social cohesion, in Chapter 3 we will analyze, more in detail the necessity of a sustainable economic growth. Our conclusions will show how cultural interventions within the city territory can foster social inclusion, cohesion, and trust.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 87 - MARZO APRILE 2016

Sharing Economy: All of Us in Wonderland

di Monika Rut

Obviously, innovation is seen as very fashionable these days. With no surprise, we can search for “top innovators under 30”, “top start-ups to watch” and “top-gadgets” that can improve the way we live. These characterize the private sector well as the risk-friendly, creative, and flexible incubator, where the tendency for “ready-to-play” wealthy investors and ambitious entrepreneurs to gravitate to Silicon Valley dreamland has become the driving force for the birth of innovative solutions. Since Professor Clayton Christensen began using the term “disruptive innovations”, which refers to the selling of cheaper products that can eventually disrupt an existing market, it seems that everyone is now “disrupting” and that every day is seen as an instance of innovation. Similar to Professor Christensen, the German sociologist and philosopher Jürgen Habermas pointed out that our complex societies are clearly susceptible to interferences and accidents and that these offer ideal opportunities for a creating prompt disruption of normal activities. It seems to be natural, then, that while millions of innovative applications based on principles of sharing have proven to be of high economic value the Sharing Economy platforms predict to generate revenues of 335 billion by 2025, shaking the future of many traditional economic sectors. For example, UBER, the Sharing Economy prodigy child for transportation network, possessing no cars and without officially employing has already managed to disrupt taxi industry in over three hundred cities worldwide, bringing about lawsuits and causing employee protests. Though, in this emerging scenario of disruptive innovations and the Sharing Economy, it is obvious that the effectiveness of the public sector is diminishing, leaving important services uncovered and without innovation hopelessly leaving the sector of society impaired. As described in the latest innovation report on European Public Sector Innovation, the public sector is stereotyped as an “outdated infrastructure that lags behind the needs of modern citizens and today’s businesses”.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 85 - NOVEMBRE DICEMBRE 2015

The Governance of Metropolitan Areas in Italy: a Plan to Enhance Competitiveness

di Giancarlo Coro e Riccardo Dalla Torre

This paper aims to underline the need for a “metropolitan governance” in Italy with particular emphasis on the central area of Veneto region. Following on from a recent work by the authors Corò e Dalla Torre (2015) the “metropolitan issue” is analysed on two different levels: the first level of analysis examines the area’s need for metropolitan governance to increase competitiveness with benefits for workers, companies and citizens. The second level of analysis outlines topics which should be taken into consideration by an agenda for metropolitan governance. 1. Introduction: the difficulties of enacting a metropolitan reform The metropolitan issue is not a new concept in Italy. It has been hotly debated since the 1960s; indeed, the government has proposed laws but all have been systematically neglected. Yet, it is not an insignificant matter: the metropolitan issue is a phenomenon perceived both at academic and administrative level, and above all it is experienced first-hand by workers, entrepreneurs, students and consumers. It is witnessed on a daily basis within an area defined by the network of relationships which go beyond municipalities and regional boundaries. If the existence of a metropolitan area is a real phenomenon, the implementation of its organisation – at least in Italy – is not rational. The need for metropolitan governance has arisen from the awareness of an increasing inefficiency as a result of the misalignment between the expansion of physical and socio-economic structures on one hand with the expansion of political and institutional structures on the other. This disharmony increases the cost of living for citizens and companies by snatching precious resources allocated to investments and expenditures. Despite this endless debate, there has always been a conspicuous lack of any actual attempt to implement metropolitan governance. Among the causes of this absence of attempts is the lack of political willingness to change the Italian institutional structure, which involves not only the metropolitan cities but also the wider phenomenon of fragmentation affecting the municipalities in these regions.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 84 - SETTEMBRE OTTOBRE 2015

Made in Italy museums. Some reflections on company heritage networking and communication

di Valentina Martino

Corporate museums arise today as a powerful identity medium for companies and brands representing Made in Italy worldwide. At the beginning of the new millennium, such cultural centers, preserving and communicating the Italian economic history, are extending their presence in most of the country and market sectors. They define a very fragmentary universe (indeed, a still largely underground “dorsal” of Made in Italy culture), but also an investment which could support the cultivation of innovative quality relationships among companies, territory, and society. From this scenario, the paper aims to offer a synthetic overview of the phenomenon concerning company museums and its contemporary evolution within the Italian context, where it appears to be unique for both dimensions and its qualitative features if compared with the international scenario. Indeed, this means also to reflect about the special affinity which seems to exist between museum format and the essence of Made in Italy culture, rising nowadays internationally as a strategic communication discourse.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 82 - giugno 2015

Measuring Cultures

di Alfonso Valentino Casalini

Introduction The topic of the importance of being able to measure the impact (or better yet, the plural impacts) that cultural heritages and activities have on many different areas is one of the most discussed issues in Contemporary Economic literature. There are many reasons explaining such an interest: first of all it is […]

Leggi tutto

Tafterjournal n. 80 - febbraio 2015

Impact of European-funded programme on London creative micro businesses economic performance and confidence

di Florence Magee

This paper provides an insight on the profiles of 400 creative businesses in London and the impact that a tailored, ERDF-funded business support programme had on their business performance and their confidence. It aims to provide a reflexion on the barriers to growth faced by these businesses in the Craft, Design, Photography and Visual Arts sectors. Finally, it will share the impact achieved by the programme after 18 months of delivery, assessing whether the need for the support and the value for money remain as proposed originally. The findings will be of interest to professionals and students in the creative industries sector, as well as to those interested in the impact of European Funded programmes in this sector.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 79 - gennaio 2015

The impact of globalization on cultural policy: insights and emerging trends from the International Conference on Cultural Policy Research 2014

di Giulia Lasen

This article discusses some thought-provoking papers, presented at the ICCPR2014, on the relationship between cultural policy and globalization. On the one hand, it looks at how globalization has an impact on national cultural policies with reference in particular to tax incentives for private donations and mobility schemes for artists. On the other hands, it tackles the role of cultural policy in international development, questioning the motives and methodologies applied. Finally, it opens up a space for reflection on the role of cultural policy in countries involved in the Arab Spring and which are now in the middle of establishing new sovereign nations and need to define also the role of culture in society.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 76 - ottobre 2014

Price management. Working on the supply could be our chance

di Valeria Morea

It is not easy to establish the admission price to museums and monuments. Different cultures suggest singular methods at this matter. Although the global scenario tends to allocate to goods a specific price which is directly commensurate to its value, both dimensional and qualitative, this concept is inapplicable in the economy of culture. This subject takes care of assets of immeasurable value, which represent a heritage of humanity. However, people do not think that this patrimony could in some way generate a profit. Cultural institutions stand as the richest and poorest at the same time. In fact is clearly evident the deep gap they have between the value of their heritage and their disposal money. The majority of the countries charges visitors with a fixed entrance fee, but the price of the ticket is just a lump sum.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 74 - agosto 2014

The Panagbenga: Ethico-Political Issues, Contestations, and Recommendations on the Cultural Sustainability of a Festival

di Narcisa Paredes-Canilao, Divina Gracia Baclig, Sheryll Cadano Yudiet, Airah Cadiogan, Bede Lee e Charmaine Liberato

The Panagbenga cultural festival of the popular tourist destination of Baguio City, Philippines, turns 20 in February 2015. Researching the sustainability of a 4-weeks festival held annually since 1995 is of academic and practical interest. Lessons can be learned for cultural policy and for more pro-active participation and collaboration between different stakeholders. Jumping off from issues and contestations on the cultural sustainability of Panagbenga, this descriptive-normative study argues for an ethics and politics of sustainable festivals, with focus on the difficult concept of sustaining culture. The study explores how cultural festivals become virtual and actual spaces for reflection, contestations, and consensual agreements on cultural tradition. “Cultural sustainability” or how cultures are dynamically engaged is distinguished from “cultures of sustainability”, or how cultures (mostly traditional) promote sustainable forms of living with the environment. The latter concept has been more discussed in the literature than the former concept.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 71 - maggio 2014

The notion of accountability and its usage in the cultural sector

di Marco Bernabè e Stefano Monti

All human, personal, economic and political relations are based on the notion of trust. Nevertheless, which are the subjects actually reliable or, in other words, truly accountable? It is necessary to make such a concept measurable, particularly in the economic sector because of the investment or acquisition choices related to that field of activity. The introduction of an evaluation process results to be even more difficult in the Italian cultural realm, where unselected public funds and culture budget cuts increase the uncertainty of the present.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 69 - marzo 2014

The importance of being evaluated. Guidelines and tools to plan a worthy evaluation of cultural projects

di Alessia Palermo

Talking about culture production, we need to shift The importance of being Earnest in The importance of being evaluated. The longing of evaluation it is in fact, by now, intrinsic to any cultural project: sponsors, stakeholders, project managers are all aware of that; however, while the crucial relevance of evaluating is no more called into question, there are still many doubts concerning how an evaluation should be planned and fulfilled. The aim of this article is to give some simple, but practical and solid, guidelines to conceive a worthy analysis of cultural projects, of any kind.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 68 - febbraio 2014

Children and cultural policies in Europe

di Martha Friel

Today, children are a main target for many cultural institutions. There is no museum that does not devote space and activities for children and, more recently, also concert halls, orchestras and opera houses have opened their doors to the young public and to families.The paper intends to explore how cultural policies are dealing with young citizens and attempts to trace an overview of cultural policies and tools in Europe targeting children.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 67 - gennaio 2014

Forum D’Avignon 2013: Polyphonic Voice From Avignon

di Tomomi Noguchi

The Forum d’Avignon is a think-tank dedicated to culture and creative industries which organizes an international annual meeting on culture, economics and media in Avignon, France since 2008. More than 450 participants of different sectors arrive from 40 nations. Guaranteeing a great diversity of opinions, this sixth edition focused on “culture” and “power” and 10 roundtables on the topic were held at Palais des Papas and University of Avignon on November 21 – 23, 2013. This article introduces the general outline, uniqueness and the way of discussion on cultural policy and management at the assembly.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 65 - novembre 2013

Is theatre efficiency affected by the legal form type? A case study of German public theatres

di Marta Zieba

The paper aims at exploring the economic efficiency of the performing arts organisations. A parametric stochastic frontier approach is presented as a way of measuring the performance of cultural institutions. In particular, this paper examines how the efficiency of publicly funded performing arts firms, operating under different organisational structures, is affected by two types of shocks. First, we consider what happens to efficiency when there is a funding shock and second, we consider the effect on efficiency of an increase in competition. The identification of these effects was made possible by the natural experiment of the reunification of East and West Germany in 1990. The results suggest that theatres organised under public law are more efficient than theatres organised under private law. However, when exposed to the exogenous demand shock after reunification, the theatres organised under private law react positively to this competition shock as measured by their efficiency scores confirming that they better react to the changing market conditions than theatres organised as public legal forms.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 64 - ottobre 2013

R&D in creative industries: some lessons from the book publishing sector

di Pierre-Jean Benghozi e Elisa Salvador

Notwithstanding the recent increasing interest in creative industries (CIs), very few studies are dealing with a new and emerging topic like technological innovation. In CIs, innovation is in general considered from a single viewpoint: a means to develop new creative contents. One very important issue is surprisingly neglected: this is the technological innovations and, therefore, the characteristic and the management of R&D in the CIs. The present paper aims at understanding where R&D takes place in the book publishing sector, which economic actors are taking charge of it, where they are located in the value chain, how they are articulated with content producers.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 63 - settembre 2013

Cultural responsibility. Small steps to restore anthropology in economic behaviour. Interviews and best practices

di Laura Salvan

Cultural responsibility (CR) links the terms “culture” and “responsibility”. This connection calls for a respectful attitude towards different cultural expressions and intercultural dialogue, in a society characterized by globalization and the spread of knowledge-based economy and cultural and creative industries. CR is linked to Corporate Social Responsibility as cultural development of the individual and communities has to be the primary goal of any economic behaviour. This attitude stimulates the building of an inclusive social context where cultural democracy, equal opportunities to access culture, participation and representation occur for all the individuals.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 62 - agosto 2013

Password Trento 2012, per una nuova cultura della partecipazione

di Chiara Guerritore

La città di Trento per un anno intero, il 2012, si è interrogata e confrontata per impostare, discutere e condividere una radicale revisione del suo Piano di politica culturale, aggiornando il precedente del 2003 e dotandosi di un nuovo orizzonte di senso che arriva al 2020. Un obiettivo ambizioso reso possibile grazie a un’articolata operazione di ascolto e dialogo che ha tracciato, in un’ottica di pianificazione partecipata, le linee di un cambiamento tanto auspicato quanto necessario. Un percorso partecipativo in dodici appuntamenti, ognuno dedicato a un tema specifico, ha fatto di questi incontri importanti momenti di confronto, di interazione ma soprattutto di ascolto.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 59 - maggio 2013

La cultura per una crescita intelligente, sostenibile e solidale. Verso un uso strategico dei Fondi Strutturali 2014-2020 per la cultura

di Valentina Montalto

La cultura è al centro della sfera economica e politica del progetto europeo. Da un lato, la cultura produce ricchezza; dall’altro è anche fonte di creatività e innovazione, che favorisce il dialogo e la coesione sociale, nonché la trasmissione di valori di interesse comune. Oggi più che mai, la rinascita dell’Europa passa dalla cultura. È senz’altro necessario ridare nuovo slancio all’economia, ma lo sviluppo senza coesione sociale rischia di essere fallimentare nel lungo periodo. Solo la cultura può aiutare i cittadini europei a riguadagnare fiducia nell’UE e a ricostruire un senso di appartenenza fondato su valori comuni.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 58 - aprile 2013

The Cranach syndrome. Calls for private donations for museums’ art acquisitions: new perspectives for the French Public Cultural Institutions funding?

di Nicolas Misery

Micro-sponsorship might become a way to develop seminal actions of culture and in particular require people to define through their financial support what makes their culture today, in other words, what should become a clear statement of their own heritage. The development of actions of the kind in many fields (not only museums but cinema or theatre) proves the relevant nature of such strategies that go way beyond financial issues. Yet, several questions must be raised that may regard in particular their chance to become efficient on a larger scale for institutions that don’t have the prestige or the strong implementation in the audiences’ minds.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 57 - marzo 2013

Future Trends in Cultural Diplomacy

di Virginia Palm

The aim of this paper is to show how Cultural Diplomacy can take shape in the future, in a much wider extent than what we see today. Using the case study of the Deutsche Bank, this paper will refer to a broadening use of Corporate Social Responsibility in order to include cultural promotion in societies. Corporate Cultural Diplomacy-actions have to be considered as preventive and long-term investments will provide a win-win outcome for both societies as well as businesses. This paper will state the concrete benefits for enterprises to engage in Corporate Cultural Diplomacy, using Deutsche Bank as a concrete example of how Corporate Social Responsibility might develop and take shape in the future to come.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 55 - gennaio 2013 - numero speciale epos

Cultura bene comune? Una riflessione retrospettiva

di Neve Mazzoleni

Che cosa vuol dire “bene comune” per i cittadini che nella cultura trovano ed elaborano la propria identità? E quali princìpi, regole e strumenti possono riuscire a proteggerne, consolidarne e diffondere il valore?

Leggi tutto

Tafterjournal n. 55 - gennaio 2013 - numero speciale epos

Un ecosistema per la cultura

di Verena Lenna

La cultura è la risorsa che più d’ogni altra traccia il palinsesto specifico di un territorio, definendolo come reticolo di costruzione relazionale e di prossimità; essa è costituita e integrata dai processi quotidiani del fare: di avverbi più che di sostantivi, di approcci più che di contenuti.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 55 - gennaio 2013 - numero speciale epos

Nuove infrastrutture per la produzione culturale

di Chiara Galloni

The Hub è un progetto mondiale basato sul concetto di coworking. Lo dice la parola stessa: si lavora insieme, si trae spunto gli uni dagli altri, in un continuo rilancio di competenze, collaborazioni, idee, necessariamente innovative e socialmente responsabili.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 55 - gennaio 2013 - numero speciale epos

Un distretto musicale

di Antonella Ardizzone

Il presente articolo sintetizza i risultati di una ricerca desk, condotta all’interno dell’Università IULM, sulla localizzazione spaziale in Italia delle imprese appartenenti alla filiera produttiva dell’industria musicale.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 55 - gennaio 2013 - numero speciale epos

Valori e prassi del turismo culturale

di Martha Friel

Il turismo culturale continua il suo percorso di espansione con una sempre maggiore diversificazione della domanda; la concorrenza aumenta e anche l’offerta si specializza facendo emergere nuovi sub-mercati.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 55 - gennaio 2013 - numero speciale epos

Come scegliere un manager culturale

di Giorgia Mannucci

La nomina di Jeffery Deitch a direttore del MOCA nel giugno 2010 ha motivazioni ben precise e strettamente connesse con la città di Los Angeles e uno dei suoi personaggi più importanti: il businessman Eli Broad.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 55 - gennaio 2013- numero speciale epos

Quello che le muse non dicono

di Giulia Lasen

Nel 2009 quattro appassionati di musei, Giuliano Gaia e Stefania Boiano di Invisiblestudio insieme a Francesco Simone e Marco Sors, decidono di lanciare un sito web dedicato ai musei più curiosi d’Italia.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 55 - gennaio 2013 -numero speciale epos

Eatalians do it better

di Gloria Bartoli

Cos’è il Made in Italy che ci invidiano all’estero? Non ci si interroga soltanto sul letteralmente “fatto” in Italia, ma più visceralmente su quel valore aggiunto che sembra nascere dalla nostra penisola.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 54 - dicembre 2012

La forza lavoro creativa in Europa: un’esplorazione di tendenze territoriali e relazioni con la crescita

di Antonio Paolo Russo e Alan Quaglieri Domínguez

Sull’onda della popolarità dei lavori di Richard Florida (2002, 2005), Sharon Zukin (1995) e Anne Markusen (2006), si è andato sviluppando un discorso che ha fatto breccia a livello politico, per cui il settore creativo è considerato un asset fondamentale per il rilancio della competitività territoriale e un motore dell’inovazione tanto economica quanto sociale in senso lato. Tuttavia, se i numeri testimoniano l’importanza quantitativa del settore, pochi sono invece gli studi volti a comprendere le condizioni che ne consentono la crescita o una reale comprensione dei meccanismi di trasmissione che collegano le dinamiche del settore creativo con l’andamento delle economie regionali nel loro complesso. Il presente articolo vuole essere un contributo al necessario dibattito sulle dinamiche regionali del lavoro creativo e la relazione di questo con lo sviluppo economico.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 53 - novembre 2012

Is cultural diversity good or bad for the arts and creative economies?

di Stephanie N. Stallings

Within the span of two months, September and October 2012, four arts policy-related events problematized the connections between diversity, democracy, and cultural policy. Cultural diversity has often been a convenient target for those who see it as subverting universal values in a democracy or in the arts. This is because the more culturally diverse a society is the more difficult it is to assign specific cultural (aesthetic) value to a work of art. In a climate of limited public funding, the absence of clearly defined cultural value is a problem on both sides of the North Atlantic. The challenge facing arts policy-makers is to come up with innovative ways to “make the case” for cultural value in order to turn policy discussions away from a “values for money” debate toward “money for values.”

Leggi tutto

Tafterjournal n. 52 - ottobre 2012

Monitoraggio e controllo della gestione dei siti UNESCO. Il piano di gestione come opportunità mancata?

di Francesco Badia

Questo articolo presenta un quadro dell’attuale situazione nazionale dei sistemi di gestione dei siti UNESCO dichiarati “patrimonio mondiale dell’umanità”. L’Italia, il paese più rappresentato nella lista, si trova al momento ad affrontare una difficile crisi economica, che coinvolge anche i sistemi di gestione del proprio patrimonio culturale. Si ritiene che sia necessario far fronte alle difficoltà attuali con lo sviluppo di maggiore cultura manageriale e l’utilizzo più consapevole degli strumenti propri delle discipline economico-aziendali. Questi elementi vanno riscoperti in particolare per la realizzazione e l’attuazione di strumenti volti al monitoraggio e al controllo dei risultati ottenuti; fra questi strumenti emerge in particolare il piano di gestione dei siti UNESCO, che nella sua prima fase di applicazione non sembra aver ancora sviluppato tutto il suo possibile potenziale.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 51 - settembre 2012

Filiera dell’industria musicale e nuovi modelli di business in Italia

di Antonella Ardizzone

Il settore della musica è sempre stato identificato con il più ristretto mercato discografico, seppure molte altre attività economiche ne facciano pienamente parte, in quanto senza la musica non esisterebbero o non avrebbero lo stesso valore. Attraverso un modello che ne ricostruisce l’intera filiera produttiva, questo studio presenta un’analisi empirica dell’industria musicale italiana da un punto di vista più ampio rispetto alle analisi tradizionali. Produttori di strumenti musicali, scuole di musica, autori, compositori, case discografiche, editori, distributori, società di raccolta dei diritti, organizzatori di concerti, discoteche, produttori di elettronica di consumo audio, sono alcuni dei suoi attori più importanti. Ad ognuno corrisponde un comparto di cui è stato calcolato il valore economico negli anni 2008 e 2009 in Italia. Il risultato finale è la quantificazione del valore economico complessivo dell’intera filiera italiana, l’analisi dei trend in atto nel mercato e dei modelli di business emergenti delle case discografiche.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 49 - luglio 2012

Measuring the economic impact of CCIs policies

di Valentina Montalto

The proposed benchmarking raster is a tool aimed at assessing the creative potential of cities and regions and selecting the best policy measures to support the sector. It should be used by local and regional actors to show decision-makers the importance and value of CCIs for local economic development and support the design of evidence-based policies. Its ultimate purpose would be to help cities and regions to establish “smart specialisation strategies” focused on CCIs’ growth potential and access the new generation of EU regional funds.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 48 - giugno 2012

Il crowdfunding: tra autoproduzione e social commerce, storia dello strumento che potrebbe cambiare le regole del fare impresa

di Chiara Spinelli

Crowdfunding, una parola che ne contiene molte altre: crescita, idee, racconto, confronto, progetti, cultura, rete, innovazione, socialità, finanziamento. Analizzare la genesi del fenomeno serve a comprendere come si sia trasformato, nell’arco di soli due anni, nella promessa più concreta di supporto e crescita per progetti creativi di tutti i tipi. E come, grazie anche alla legislazione del governo americano, possa ora diventare uno strumento di innovazione economica e sociale per superare la crisi.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 45 - marzo 2012

Pubblico e privato nella gestione museale: Italia e Francia a confronto

di Fabiana Lanfranconi

Il panorama culturale europeo negli ultimi anni si è trovato ad affrontare una serie di problematiche di carattere economico-finanziario che, per quanto riguarda in particolare l’ambito museale, ha visto i paesi reagire tramite la ricerca di soluzioni differenti ma identiche nella comune tendenza a individuare forme di gestione che consentano una maggiore autonomia dall’apparato pubblico, tanto nella gestione organizzativa che finanziaria. Le leggi del mercato e del marketing, pervadendo anche il settore culturale, hanno imposto un ampio ricorso a strumenti di diritto privato e a forme giuridiche flessibili. Proprio da qui nasce la comune istanza di modernizzazione dei musei, fondata sulla ricerca di strumenti di gestione ibridi, capaci di contemperare gli interessi dei diversi attori che gravitano intorno al settore culturale.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 44 - febbraio 2012

La ricerca di autenticità nel processo di visita museale

di Maria Cristina Vannini

In un periodo in cui la crisi economica e lo spaesamento della politica non sono in grado di assicurare alla popolazione gli standard di vita a cui è stata abituata e in cui è pressante la necessità di ridisegnare modelli di sistema, diventa importante concentrarsi su ciò che costituisce valore. In ambito museale, e applicato all’idea di Cultura, il concetto di valore si presta a molte interpretazioni: valore etico e sociale, valore educativo, estetico o “ricreativo”; non ultimo valore economico: i cespiti e gli asset tangibili e intangibili del Museo, la creazione di un mercato della domanda e dell’offerta di Cultura che generi introiti diretti e indotti. È in questo contesto che riprende forza e importanza il concetto di autenticità che si associa strettamente a quello di valore e che, anch’esso, nel contesto museale si può declinare in varie e differenti accezioni.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 43 - gennaio 2012

Le potenzialità della valutazione nel rapporto impresa-cultura: riflessioni sullo stato dell’arte in Italia

di Ginevra Domenichini

La contrazione subita dai finanziamenti per la cultura in Italia ha sollevato, tra il 2008 e il 2011, un interessante dibattito sul rapporto impresa-cultura mettendo in rilievo l’urgenza di porre mano ai problemi che da tempo lo contraddistinguono. Una delle misure proposte consiste nel promuovere il ricorso alla valutazione ovvero ad una analisi che permetta di cogliere la rete di valore tessuta dall’intrecciarsi del rapporto tra questi due attori. Il contributo propone una riflessione sul ruolo della valutazione accostando la “voce” della letteratura e quella delle imprese italiane allo scopo di mettere in luce le sue potenzialità con particolare riferimento all’attuale contesto nazionale.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 41 - novembre 2011

Il contributo della cultura per la crescita dell’occupazione

di Riccardo Dalla Torre

In questo articolo si vuole mettere in luce il possibile contributo dell’occupazione culturale alle strategie di crescita del nostro paese. Attraverso le statistiche culturali dell’Eurostat vengono messi a confronto i paesi europei, al fine di evidenziare l’anomalia della situazione italiana: un patrimonio culturale vasto, un’alta propensione allo studio a livello universitario delle materie culturali, ma un basso livello di occupazione culturale. Le stime condotte a partire da questi dati mostrano come il mancato incontro tra domanda ed offerta di lavoro nel settore culturale costi all’Italia molti posti di lavoro.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 38 - agosto 2011

Bronx Council on the Arts (BCA). La rinascita del Bronx passa dalla cultura

di Paolo Bertani

Il contributo racconta e illustra, tramite l’esperienza diretta di uno stage effettuato dall’autore, l’organizzazione del Bronx Council on the Arts (BCA). La struttura, operativa nel territorio del Bronx, si occupa direttamente o indirettamente della stragrande maggioranza delle attività culturali operanti nel Borough. Nel corso della sua storia il BCA è riuscito a trasformarsi e a diventare punto di riferimento per l’intero distretto, anche grazie all’opera costante del suo storico e carismatico direttore esecutivo, Bill Aguado. I risultati che l’organizzazione ha ottenuto nel tempo vengono considerati straordinari; questi sono il frutto di una politica fortemente indirizzata a ridare dignità ad un territorio e un tessuto sociale martoriati negli anni ‘60 e ’70 del secolo appena trascorso.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 37 - luglio 2011

Patrimonio Mondiale UNESCO: la tensione tra valore universale e interessi nazionali

di Enrico Bertacchini

La Lista del Patrimonio Mondiale UNESCO rappresenta oggi il più efficace strumento internazionale di conservazione e tutela di un bene pubblico globale che include alcuni tra i più importanti tesori culturali e naturali esistenti al mondo. Tuttavia, dopo quasi 40 anni di attività, e più di 900 siti protetti, è necessario domandarsi se e come il sistema UNESCO sia stato in grado di definire e preservare questo patrimonio. Il presente contributo sintetizza alcune recenti ricerche economiche che mettono in luce come esista una tensione tra l’aspirazione al valore universale ed eccezionale della Lista del Patrimonio Mondiale, e i fattori e interessi nazionali che ne influenzano la sua composizione e la rappresentatività delle culture mondiali.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 36 - giugno 2011

Il friend raising: programmi di membership e sostenibilità finanziaria. Il caso Uovo performing arts festival

di Alessandra Puglisi

L’evoluzione del quadro istituzionale, economico e socio-culturale costringe le organizzazioni di spettacolo ad individuare nuovi modelli di sviluppo in grado di rispondere ai criteri di sostenibilità economico-finanziaria. Ma quali sono gli strumenti a disposizione delle piccole imprese culturali italiane? Con quali margini di crescita? Il presente contributo si propone l’analisi dei meccanismi che favoriscono il sostegno da parte degli individui, evidenziando le potenzialità legate allo sviluppo dei sistemi di membership, e cerca di individuare gli strumenti che possano qualificare la partecipazione dei donatori alle attività dell’istituzione al fine di creare relazioni stabili con i sostenitori.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 35 - maggio 2011

L’applicazione del diritto di seguito in Italia: dati e teorie a confronto

di Massimiliano Castellani e Antonella Volgarino

Il diritto di seguito (DDS) è un corrispettivo dovuto agli autori di arte visiva in proporzione al prezzo di rivendita di una loro opera d’arte. Le norme europee in materia di DDS sono contenute nella direttiva 2001/84/CE; quest’ultima definisce il diritto di seguito come un diritto inalienabile e fissa le percentuali da applicarsi al prezzo di vendita dell’opera per la determinazione del quantum da riconoscere all’autore. Per quanto possano essere molti i profili giuridici che meriterebbero di essere discussi, a partire proprio dalla non negoziabilità del diritto, fino alla fissazione della sua quantificazione economica, in questo lavoro, analizzeremo principalmente gli aspetti economici, teorici ed empirici, della gestione del DDS in Italia.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 34 - aprile 2011

Why the EU and China should further engage in business cooperation and trade in the field of cultural and creative industries

di Valentina Montalto

Under the edge of the EU-China Intercultural Year in 2012, the EU and China have committed to increase business cooperation and trade in the field of cultural and creative industries (CCIs). The objective of this paper is to illustrate the economic and political reasons justifying EU-China cultural exchanges, which are still at the initial stage. Chinese CCIs contribute to 2.45% of the national GDP, European ones to 2.6%. Supporting cultural and creative SMEs is a policy priority on both sides. In the end, the paper recommends that EU technical assistance programmes contribute to fostering cultural trade.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 31 - gennaio 2011

L’impresa di parlare d’impresa culturale

di Chiara Galloni

Nonostante sia il settore più inquieto e dinamico dell’economia italiana, la cultura fatica a rivendicare il proprio ruolo di preminenza nella nostra società. Fortunatamente tra l’obsolescenza di vecchi paradigmi, la rigidità del rapporto con l’amministrazione pubblica e un dialogo troppo intermittente con i pubblici potenziali, fioriscono pratiche innovative e in controtendenza, che devono solo trovare il coraggio di darsi una forma, dirsi impresa, e cominciare a porsi al centro di un auspicabile nuovo corso del Belpaese.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 30 - dicembre 2010

Quell’azzurro che tutti aspettiamo: le Fondazioni culturali del “quasi non profit”

di Alessandro Hinna

Nel terzo settore italiano si registra un particolare miscuglio di pubblico e privato, che caratterizza molti Enti che intervengono in ambiti tipici del non profit, testimonianza, questa, della storia di un settore che si presenta strettamente correlato al processo di riforma dello Stato sociale e di trasformazione della Pubblica Amministrazione. In molti, negli ultimi tempi, hanno evidenziato come il generale slittamento istituzionale delle attività di policy verso Regioni ed Enti locali – sommato alle varie forme di coinvolgimento della comunità e, quindi, alla nuova organizzazione degli attori – rappresenti una risposta adattiva della Pubblica Amministrazione (centrale e locale), di fronte alla restrizione delle risorse economiche disponibili e all’esigenza di meglio articolare la produzione e l’offerta di beni pubblici.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 29 - novembre 2010

Dal reset al franchising: ultime tendenze nel campo della creazione museale

di Antoine Leonetti

Rinnovarsi o morire, un clichè che non è mai stato così attuale nel campo del management culturale come in questo momento. Per la prima volta il mondo delle arti dal vivo e delle arti visive, spinto dal crollo dei mercati, dai conseguenti e drastici tagli di bilancio della sponsorizzazione privata, e in più dalla disgregazione dei finanziamenti pubblici alla cultura, ha iniziato a pensare a se stesso in termini di evoluzione e di radicale riorganizzazione per poter sopravvivere. Un fenomeno particolarmente evidente nel caso della profonda trasformazione subita dai musei tradizionali e degli spazi dedicati alla cultura contemporanea che hanno sperimentato una profonda ristrutturazione concettuale.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 27 - settembre 2010

Dalla parte di Jean Vilar: il Festival di Avignone e il mito fondativo del “teatro popolare”

di Francesco Crisci

L’evoluzione di una tradizione teatrale che poggia le basi nelle idee della rivoluzione francese; la genesi avventurosa di una poetica innovativa diventata “mito fondativo” e espressione di una politica culturale; il manifestarsi di una tradizione teatrale e il radicarsi di una poetica nella cultura organizzativa di una istituzione: le vicende del Festival di Avignone sono tutto questo, collegate indissolubilmente al nome del fondatore, Jean Vilar, e inestricabilmente connesse con una espressione, “teatro popolare”, che costituisce il senso di una esperienza collettiva solo parzialmente compiuta ma con pochi precedenti nella storia dei processi di produzione culturale moderni.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 25 - luglio 2010

Il Sistema Ambientale e Culturale “Parco delle Dune Costiere – Riserva di Torre Guaceto”: i punti di forza di un territorio ricco di storia e natura nel cuore del Mediterraneo

di Gianfranco Ciola e Filomena Tanzarella

La Regione Puglia ha avviato la costituzione dei Sistemi Ambientali e Culturali (SAC). Il SAC “Dune Costiere – Torre Guaceto” mette insieme elementi storico-culturali, naturali e paesaggistici che si aggregano attorno alla Via Traiana. Il territorio è caratterizzato dagli ulivi monumentali, plurisecolari e dalla presenza di due aree protette. Il progetto di valorizzazione e gestione integrata del SAC punta a completare i processi già intrapresi (incluso il completamento di una rete ciclabile, facente parte della rete nazionale Bicitalia), ad una fruizione unitaria, qualificata e sostenibile su scala sovracomunale.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 24 - giugno 2010

Globalizzazione e mercato dell’arte contemporanea

di Federica Codignola

Il mercato dell’arte contemporanea è un sistema complesso formato da attori ed entità comunicanti che oggi, in un contesto in cui la concorrenza ha inevitabili ripercussioni, si trovano a dover operare in maniera coordinata cercando di interpretare al meglio le leggi della globalizzazione. Quest’ultima, infatti, inevitabilmente influenza sia la domanda che l’offerta. Il fenomeno della globalizzazione viene dunque esaminato attraverso le diverse tipologie strutturali appartenenti al mercato dell’arte contemporanea, considerando tali tipologie quali elementi di un unico sistema integrato.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 22 - Aprile 2010

Il sistema delle Fondazioni Lirico-sinfoniche in Italia

di Marzia Ravenna

L’articolo presenta una sintesi dei risultati di una ricerca realizzata dall’Osservatorio Economico della Sardegna. La ricerca scaturisce dall’esigenza di approfondire la conoscenza delle Fondazioni liriche – con particolare riferimento al Teatro Lirico di Cagliari – che, nell’ambito dello spettacolo dal vivo, occupano una posizione del tutto particolare, non assimilabile a quella delle altre strutture che operano nel settore. L’approfondimento prende in esame l’evoluzione del contesto normativo, giuridico e organizzativo e confronta tra loro le Fondazioni attraverso l’analisi di alcuni indicatori e parametri di bilancio in grado di rappresentare il loro stato di salute economico-finanziaria.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 20 - febbraio 2010

Ruoli e funzioni degli eventi culturali in Italia

di Chiara Camerada e Daniele Pittèri

L’evento è un elemento valorizzatore del territorio, in grado di determinare, con il proprio attuarsi, modificazioni più o meno sostanziali e di natura profondamente differente sui territori in cui si realizza. Partendo dall’individuazione degli elementi costututivi degli eventi, è possibile giungere alla formulazione di un’ipotesi di classificazione degli stessi che, basata sulla centralità di target, format e funzioni, individua: una tipologizzazione degli eventi; i format; le funzioni e le sottofunzioni che assolvono; le tipologie dei target; e le correlazioni che esistono fra format, target e funzioni. L’evento è un elemento valorizzatore del territorio, in grado di determinare, con il proprio attuarsi, modificazioni più o meno sostanziali e di natura profondamente differente (culturali, politico-istituzionali, urbanistiche, economiche, infrastrutturali, di immagine) sui territori in cui si realizza.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 17 - ottobre 2009

Il forum mondiale Unesco sulla cultura e sulle industrie culturali. UNESCO World Forum on Culture and the Cultural Industries

di Riccardo Dalla Torre

Lo scorso settembre Monza ha ospitato il primo Forum mondiale Unesco sulla cultura e sulle industrie culturali. In questo articolo si presentano le principali motivazioni che hanno portato al Forum Unesco, approfondendo le ragioni dell’avvicinamento tra economia e cultura e presentando alcuni dati sulle industrie culturali. In un’economia sempre più basata sulla conoscenza, la cultura costituisce una risorsa collettiva che contribuisce ad alimentare la creatività, a stimolare l’innovazione e ad accrescere la qualità del capitale umano. In questa prospettiva la cultura può diventare il volano della crescita economica, contribuendo all’incremento della competitività delle economie moderne.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 16 - settembre 2009

Indagine sulle imprese che investono in cultura: risultati ed analisi dei comportamenti aziendali

di Paolo Bertani

In seguito all’andamento altalenante della spesa pubblica in cultura nel corso degli ultimi quindici anni, le riflessioni di studiosi e addetti ai lavori si sono con il tempo spostate verso l’analisi di forme di finanziamento alternative a quella pubblica. A questo proposito, nel corso degli anni novanta si sono registrate la vertiginosa crescita delle sponsorizzazioni in ambito culturale e l’importante contributo fornito dalle fondazioni di origini bancarie a sostegno dell’arte e della cultura.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 13 - maggio 2009

Gli eventi culturali come incubatori culturali. Il caso di MI AMI Musica Importante a Milano

di Lucio Argano e Claudia Spadoni

Gli eventi culturali sono espressione della società postmoderna e sanno creare valore attraverso dinamiche relazionali e di condivisione di apprendimento ed esperienza. In tal senso sono incubatori culturali perché si giovano dei luoghi d’interazione, delle comunità-tribù e delle piattaforme conversazionali del Web, potendo contare sull’efficacia delle nuove tecniche di marketing e comunicazione on ed off line. L’analisi empirica del Festival MI AMI, derivante da una ricerca condotta da Claudia Spadoni, evidenzia tali aspetti, riconducendo gli eventi alla loro sintesi di conoscenze e consapevolezze.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 12 - marzo-aprile 2009

Il valore economico della cultura in Europa

di Riccardo Dalla Torre

In questo articolo si fornisce un quadro d’insieme dell’industria culturale. Attraverso fonti statistiche, studi e ricerche di livello nazionale ed internazionale, viene evidenziato il rilevante contributo della cultura alle economie moderne: sia in termini di valore aggiunto e fatturato, sia per quanto riguarda l’occupazione i dati rivelano che la cultura è un business. Cultura ed economia, due mondi troppo a lungo considerati distanti, mostrano oggi virtuose relazioni che possono risultare fondamentali per la crescita dei sistemi economici locali, in una prospettiva in cui il ruolo ricoperto da creatività ed innovazione continui ad aumentare.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 11 - febbraio 2009

Alienazione e cessione nel Codice dei Beni Culturali

di Susanna Mandice

L’Italia può vantare una vera e propria tradizione di legislazione dei beni culturali: già prima dell’unificazione, la giurisprudenza dei diversi stati preunitari dimostrò particolare attenzione a quelle che oggi potremmo definire politiche culturali. Talvolta una illuminata concezione della res publica, più volte il fascino della figura del potente mecenate, favorirono una consapevole indivisibilità del binomio patrimonio-territorio.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 9 - novembre 2008

La valutazione delle performance aziendali quale fattore di successo per le Fondazioni liriche

di Giorgio Mion

Nel presente articolo si propone una sintesi dei risultati di una ricerca svolta sulle Fondazioni liriche italiane allo scopo di definire un modello di analisi delle performance che, sull’evidenza dei principali “sintomi” delle condizioni gestionali di equilibrio economico, finanziario e patrimoniale, possa rivelarsi uno strumento utile alla governance per l’individuazione di efficaci linee strategiche…

Leggi tutto

Tafterjournal n. 6 - luglio-agosto 2008

L’impresa incontra arte e cultura

di Elisa Cecilli e Diane Gabrielle Tremblay

La città di Montreal si afferma da qualche anno sulla scena internazionale come una metropoli culturale. In questo contesto, durante il mese di novembre 2007, la Camera di Commercio di Montreal e Culture Montreal hanno organizzato un incontro cittadino volto a definire il piano d’azione delle politiche culturali municipali fino al 2017.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 4 - maggio 2008

L’evoluzione del sostegno pubblico alle imprese cinematografiche. Il modello francese diventa realtà?

di Bruno Zambardino

Mai come in questi ultimi anni il richiamo al cosiddetto “modello francese” è stato così presente all’interno del dibattito sulle possibilità di rinnovamento e di rafforzamento del settore dello spettacolo inteso nelle sue due anime principali, quella cinematografica e quella delle rappresentazioni dal vivo. Ebbene, in questa fase cruciale di ripartenza della politica, di bilanci di attività svolte e di eredità consegnate ai nostri nuovi decision makers, va registrata l’introduzione, a partire da quest’anno, di nuove e più evolute forme di sostegno indiretto, e in particolare di agevolazione fiscale alle imprese cinematografiche nazionali, che – di fatto – per la prima volta avvicinano il nostro Paese al tanto decantato modello di sostegno francese.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 2 - gennaio 2008

I festival tra impatto sul territorio e luogo di espressione per l’immaginario collettivo

di Giulia Agusto

L’esperienza estetica lontana dai luoghi deputati, in spazi generalmente aperti oppure insoliti, non direttamente pensati per l’arte; la cultura nelle piazze, nelle strade, questa la caratteristica principale dei festival. Feste, eventi intrisi di socialità, che attirano un pubblico sempre più nomade e disposto ad affrontare anche lunghi tragitti pur di sentirsi parte di un evento che spalanca le porte all’immaginazione.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 1 - ottobre 2007

Creatività e gestione nelle imprese culturali

di Giulia Agusto

Come leggere il mondo culturale alla luce delle discipline manageriali? In che modo knowledge economy e intangibile trovano espressione nel settore delle cultural industries? Uno sguardo sul mondo delle organizzazioni culturali e sul modo in cui producono valore aggiunto tra creatività, complessità e responsabilità

Leggi tutto