Editoriali

Tafterjournal n. 94 - MAGGIO GIUGNO 2017

Ecclesiastical Tourism and the Paradox of Happiness

di Manfred J. Holler

At the first glance the following two contributions look rather diverse – hardly related. Alfonso Casalini writes on the role of catholic and religious cultural heritage and the need for the implementation of modern management tools, especially in the organization of ecclesiastical museums. Timo Airaksinen writes on “Desire and the Socratic Paradox of Happiness” – a philosophic paper as its title clearly indicates. It is triggered by the observation that a lucky person will prefer his good circumstances regardless of the fact that he is and remains unhappy – which is in contrast, but not necessarily in contradiction, of Socrates’ dictum that a virtuous person is always happy, regardless of his circumstances. Are desire and desiring the keys to unlock this paradox? Airaksinen’s desire theory of happiness says that you are gratified and happy when you are able to satisfy your desires. As a consequence, he concludes, “life’s conditions are crucial to the quality and value of happiness.” Alfonso Casalini would argue that, for many people, religion and ecclesiastical culture are essential dimensions of their life’s conditions. He points out that there are between 300 and 330 million religious tourists, yearly, who generate an estimated turnover of 18 billion dollars worldwide. Do these numbers reflect a desire? Casalini’s assumption is that the “Religious Cultural Institutions” of the Catholic Church are called upon to contribute to satisfy these desires – and his claim is that this has to be done in an efficient way. A precondition is the application of modern management technics. He focuses on ecclesiastical museums to illustrate the problem and demonstrate the need for reforms: “a more economic (but not necessarily monetary) approach is needed.” There are still too many of these “ante-management” museums which “are devoid of website, do not have a social network activity and do not have revenues (or do not indicate them).”

Leggi tutto

Tafterjournal n. 93 - MARZO APRILE 2017

What will remain of the Days ?

di Maria Cristina Vannini

Free entrance to museums on the first Sundays of each month seems to have been a great success till its launch in July 2014. It has seen the average increase of visitors throughout Italy of some 260thousand units per month in 2016. More or less as half the yearly visitors in region Marche museums for the same year, following the data of the Mibact or as if the same number of population of the Greater Milan area visited museums or archaeological sites and parks during the twelve free Sundays. Surely it looks like a great success. Overall, it demonstrates that museums arise interest and curiosity in a large number of population. But these numbers don’t tell us anything about the people they represent or about the related “visitors’ journey”. What is the level of loyalty to these events? Are the same people traveling throughout the country planning a free visit to the Italian museums or is mainly a locally-based phenomenon? Can the visitors be profiled at least on the basis of the traditional demoscopic categories? Above all, these numbers don’t say anything about the kind of experience the visitors live and what remains of it, to both actors involved: visitors and museums. It should be time for the national cultural policies to clarify the meaning of success pursued, since the investment required for running the Sundays free entrances or similar openings (i.e. last March 8th ) on national or local level is significant for the public administrations and since lately it has been replicated in other sectors of the cultural production. In facts, the trade-off of this kind of operations is highly worthy if they can help defining further cultural strategies in audience development and in cultural production, and if they can collect valuable feedbacks and data on which cultural institutions can improve their cultural offer and develop new creativity.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 92 - GENNAIO FEBBRAIO 2017

A call for a European Model of Culture

di Stefano Monti

Recent events, such as the election of the provocateur Mr. Trump as President of United States, the increasing migrations phenomena or the rise of new forms of terrorism, ask for a concrete answer from Europe in one of most important characteristics of our political history: the role and the implementation of the so-called Welfare State. When we talk about Welfare State we describe a set of policies, services and other actions that the public bodies of a Country set up in order to improve the life conditions of its own citizenship. Among the benefits that European Countries most frequently provide to citizens, Culture represents a peculiar object, not only for its structural characteristics (intangible assets and so on) but also for the different ways that governments are interpreting this important resource for human and social development. The implementation of the welfare state often includes also culture and cultural policies, but in most of cases, there is no a common interpretation of how (and which) culture should be provided: this is, to our point of view, one of the central key tasks for the European Agenda. Briefly, from one hand we have the most important traditions about cultural heritage but, on the other hand, Europe forgets that culture is, first of all, a contemporary matter of concern. Since ’50s Europe left to the U.S. the role cultural leader and from then, U.S. showed to the world the ideology of the western, developed countries. We divided the world in rich and poor countries, and our culture was the medium through which we stated that yes, we were in the right place of the world.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 91 - NOVEMBRE DICEMBRE 2016

The role of Cultural Management and its social and narrative relevance

di Valeria Cantoni

In his last book La phrase urbaine, the French philosopher and author Jean Christophe Bailly wrote that the city is like a sentence whose meaning we can understand only if we know its grammar. The city is not only a web of functions and services, but also a narrative fabric that needs to be read and told, explained and shared. Every city has its own urban grammar, requiring a common alphabet in order to generate webs of narratives, of humanity, and of cultural action and citizenship. Today more than any other time in the past there is a need to be civis, and sense is created from partaking what it means to inhabit, work and be a citizen, from the shared meaning of education, civil law and civil rights, dreams and needs, values and of doing and being as culture. Culture is the primary building block of meaning man has ever found, and we must start from culture to help citizens find their own sense, as individuals and as a collectivity. Generally things are no different today than 70 years ago, during the age of totalitarian regimes, or 50 years ago, during the age of counterculture. What is different is the relationship with authority. Today one can no longer trickle something down from above and impose it as a truth for it to be welcomed. Present-day authority is no longer recognized as such – it requires consensus for what it does and not simply for what it is. A city’s grammar cannot be generated from the top-down, from the administration or from private institutions, whether they are businesses, universities or research centers. The role of politics is to create time, location and information opportunities so that the city’s residents can build together their vocabulary, and along with it their own narratives, from the bottom-up.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 90 - SETTEMBRE OTTOBRE 2016

Transforming Historical Cities in Smart Cities by Using Geospatial Technologies

di Renzo Carlucci

The term geospatial in the Anglo-Saxon world – but also in the scientific and technical Italian elite – is slowly replacing the word Gis, acronym of Geographic Information System. Geospatial is interpreted as a synonym of geographical notions, in a system that can include more than two dimensions, normally represented by the latitude and the longitude, introducing geographical information in a landmark that could be developed in three, or, by now, also in four dimensions. The simplest examples are the google maps, which in the classical plane dimension of the chart sheet have put together the three-dimensional place with a fourth dimension time-slider. The impact of geospatial technology in our daily life has become rather relevant, showing itself as a global reference overview in our environment. The impact of all the innovations that form the Geospatial technology is increasing in our lives. It reached such a relevance to become a key point in our environment. This is particularly recognizable in urban envirornment, as it allow us in using Location Based Sevices technologies, which are able to transform every georeferenced object in a smart object, inserting it in a network of objects through position relationship among which the objects in the network transmit data and information each other. The common use of these networks of objects in our urban environment, could represent the structural network of the Smart Cities. When we use mobile devices in our trips, or when we share our feelings or other personal information on Social Network such as Twitter, Instagram or Facebook, we communicate also our geografical position (if we allowed it in our privacy agreement). Many of the services offered by search engines, using our position, are able in showing us restaurants, hotels, shops, banks, drugstores and everything we need, even classifying the showed results on the basis of the appreciation of other users. Thus, it is clear that geospatial technology is already present in the very core of our lives.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 89 - LUGLIO AGOSTO 2016

Culture is Changing…Oops: already done!

di Stefano Monti

Since the 90’s, the world looks astonished at the power of culture as a strategical tool for the development of entire economies and territories. However, in last years, culture, and better said, cultural economics in Italy (but not only in Italy) is really changed. It’s clearly visible: look at the symposium, look in the universities. The great giants of this discipline are fading away, great entrepreneurial groups are changing their focus. Even the group I represent changed its primary market from a consulting to an advisory business model, in order to match the new set of needs that this market is now showing. Nowadays, cultural economics is a more mature market and there is a need for new and specialized skills: be able in designing cultural projects is no longer enough, now, who’s in charge in providing services in this cluster have to be able in funding projects too, or made them sustainable in the short period. This is the evidence that shows how We’re experiencing a great switch of the market. This kind of changes happens when a sector shifts from an emerging stage to a consolidating phase.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 88 - MAGGIO GIUGNO 2016

Arts Equity

di Tara Aesquivel

Diversity in the arts has been a topic of much discussion for many years and the discussion continues to become more profound, more nuanced, and more important. As Nina Simone stated, “An artist’s duty, as far as I’m concerned, is to reflect the times.” The population of the United States, and many countries, has never been more diverse in terms of ethnicity­­ which is typically the type of diversity that is implied in these discussions, although there are many types of diversity worthy of attention and action. In contrast, the history of western art has been dominated by rich white men for centuries, and this is seen in the canon: faces in galleries of European paintings through the Twentieth century are plump and white with rosy cheeks; classic plays, operas and ballets are based on stories of well­to­do and royalty, presumably white. It’s no surprise, then, when recent studies show that today’s arts audiences are not diversifying at the same rate as the general public. This is a serious problem for arts organizations. The classic canon, portraying wealthy white people, is becoming less and less relevant to an increasing percentage of the population. When programming isn’t relevant, audiences shrink. When audiences shrink, not only does revenue decrease and threaten sustainability, but many organizations’ missions, which are centered on interaction with community and audience, are also threatened. The issue is compounded by the fact that the leadership of arts organizations­­typically, staff and board members­­ is not representatively diverse in terms of ethnicity, age, and socio­economic status. Community voices are, therefore, less likely to be accurately represented in strategic planning and governance decisions that determine programming. In this scenario, the programming does not adapt with changing needs of the organization’s constituency and loses relevance.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 87 - MARZO APRILE 2016

Culture and Citizenship

di Daniele Pittèri

Most Italian cities, both big cities and small cities, are experiencing a sort of identity crisis, which is the result of different but convergent factors. The failure of the urbanistic vision as a virtuous urban development model. The unresolved relationship between historic city centre and the peripheries. The bureaucratic resistance to the implementation of mid and long-term strategic plans. The tendency in concentrating the cultural production only into the main cultural production centres. The distance between the University and the places where the urban change process take shape. The lack of intercultural and intergenerational integration processes. The underestimation of the change potential expressed by culture and cultural and creative activities. These are all issues that affect the real development of a culture-oriented society. Furthermore, there is also another point to underline: the rise of an interpretation of cultural and creative phenomenon as a specific tool of the tourism economy: during last decades, this vision shaped both public and private intervention in culture, realizing processes into a “touristic attractors” perspective. Because of the scarce resources, the touristic addressed interventions the implementation of mid and long term strategies mainly addressed to a change and to a cultural-driven urban renewal.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 86 - GENNAIO FEBBRAIO 2016

Poets: Born or Made? About the utility to preserve some doubts

di Elena Granata

Does the prenatal exposure to arts generates love and attitude for the arts? Individuals, that since the very childhood are used to be in harmony with nature, are more incline to become more interested in the environment topics? People living in a sacred context will become religious? Proximity with sciences will generate curiosity […]

Leggi tutto

Tafterjournal n. 85 - NOVEMBRE DICEMBRE 2015

Culture and life

di Stefano Monti

Is not possible to start a discussion about culture without mentioning what in these days is scaring Europe: the IS terrorist attack in the heart of Paris is nothing but a menace to all of us. But there is also another reflection that we, as researchers and practitioners of culture, must underline in this act, and is that the choice of the sites point the attention on the very heart of our lifestyle: culture. Since its beginnings IS has attacked with peculiar attention cultural sites: firstly site under the protection of the UNESCO, and then irreverent voices of European Culture (Charlie Hebdo). Now the attack has been addressed versus a theatre, a stadium and versus people who was spending their time in cafès. This should make us consider once more the importance of culture in our lives. The nature of the attack followed the evolution of what has been for centuries intended with the word Culture: first the heritage, then the literature and freedom of expression and ultimately (this is our hope) the music and the sports. I’m not a conflict expert, but to every observer should be clear that IS is fighting its war mainly on two dimensions: the fear and the symbol. Destroying cultural heritage sites has been for century one of the main abused symbols of war, but stadiums, theatres and boulevards are something new. In my opinion it is not only a security level topic, there is something more. There is the importance of our immaterial infrastructure, the knowledge on which we base our lifestyle. Everyone would be pleased to do anything in order to avoid any other attacks.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 84 - SETTEMBRE OTTOBRE 2015

Culture and the Red Queen

di Pierre-Jean Benghozi

Just at this moment, somehow or other, Alice and the red Queen began to run. They were running hand in hand, and the Queen went so fast that it was all she could do to keep up with her: and still the Queen kept crying ‘Faster! Faster!’ but Alice felt she could not go faster, though she had not breath left to say so. The most curious part of the thing was, that the trees and the other things round them never changed their places at all: however fast they went, they never seemed to pass anything. “I wonder if all the things move along with us?” thought poor puzzled Alice. And the Queen seemed to guess her thoughts, for she cried, “Faster! Don’t try to talk!” And they went so fast that at last they seemed to skim through the air, hardly touching the ground with their feet, till suddenly, just as Alice was getting quite exhausted, they stopped, and she found herself sitting on the ground, breathless and giddy. Alice looked round her in great surprise. – Why, I do believe we’ve been under this tree the whole time! Everything’s just as it was! – Of course it is,’ said the Queen, ‘what would you have it? – Well, in our country, said Alice, still panting a little, you’d generally get to somewhere else—if you ran very fast for a long time, as we’ve been doing. – A slow sort of country! said the Queen. Now, Here, you see, it takes all the running you can do, to keep in the same place. If you want to get somewhere else, you must run at least twice as fast as that!

Leggi tutto

Tafterjournal n. 83 - LUGLIO AGOSTO 2015

Nudging, Gamification and Paternalism

di Manfred J. Holler

Paternalism assumes an authority that tries to influence the behavior of people under its guidance in order to improve the wellbeing of the latter. This can be implemented by more or less strict regulations limiting the set of alternatives to choose from and thus reducing the freedom of choice. Alternatively, “libertarian paternalism” does not constrain the freedom of choice but takes advantage of the imperfections in decision-making abilities to push people to make choices that are good for themselves. This kind of pushing people is called “nudging” and a means of pushing people this way is called a “nudge.” Those who get nudged are sometimes called “nudgees,” and “nudgers” are those who “nudge.” When it comes to paternalism then the nudger is an authority, the State, the parents, etc. While, in principle, paternalism proper is coercive, nudging leaves the nudgee’s set of alternatives unchanged. Thus, nudging is a means to achieve the authority’s ends without, in principle, restricting the freedom of choice of decision makers, but make the decision makers decide what the authority is in fact aiming for. Paternalism based on nudging is also referred to as “soft paternalism.” Whitman and Rizzo (2007) elaborate on the warning of a “slippery slope” that leads from soft paternalism to “hard paternalism,” a non-libertarian paternalism implying regulations, legal constraints, and a reduction of freedom of choice, and thus represents a threat to their libertarian worldview. They write “soft paternalism – even if initially modest and non-intrusive – has the potential to pave the way for harder paternalism, including some policies of which the new paternalists themselves would disapprove. We conclude that policymaking based on new paternalist reasoning ought to be considered with much greater trepidation than its advocates suggest” (Whitman and Rizzo 2007: 413).

Leggi tutto

Tafterjournal n. 82 - giugno 2015

Dear Readers, Colleagues and Friends,

di Stefano Monti

From this number, Tafter Journal will enter in a new courage dimension. Even though, for strategic reasons, Monti&Taft will no longer be at the head of the journal, I will continue with pleasure and commitment in sustaining the evaluation activities of scientific contents of our present and future authors… Who will pick up the torch is Alfonso Casalini, an acute and headstrong researcher who collaborates from several years with Monti&Taft. Casalini will be in the saddle guaranteeing the continuity of the imprinting and of the inner objectives of Tafter Journal, but he will achieve this result by extending in a more international and a wider perspective the research activity. The future of our sector is in the hands of those women and men who are capable to look beyond the differences among academic disciplines. People who want to create an added value by founding their researches on the concrete needs of our society. Tafter Journal will continue in focusing on topics related to cultural and territorial development. In addition to the best practices, there will be paid more attention to concrete projects, in order to evaluate the activities of those organizations that have no choice but the innovation to overcome the difficulties and to create a reliable, scalable, and sustainable project over time.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 81 - marzo 2015

Human interaction: the next digital revolution

di Vittoria Azzarita

In the digital age, why should we care about human interaction? The answer is neither simple nor obvious. The rise of new technologies has generated a flourishing debate about the pros and cons of a wide usage of the Internet, transforming the Web in the angels and demons’ epic battle of the 21st century. Today’s relevant role played by the Internet contributes to consider it a fundamental infrastructure of the economy, in the same way as water, electricity and mobility. The recent decision of the US Federal Communications Commission (FCC) to approve strict new rules to govern broadband internet like a public utility, leaves a mark in the fight for the protection of net neutrality – i.e. the concept that all information and services should have equal access to the Internet. The huge amount of information that circulates across the online world has several implications in terms of economic activities, social challenges and cultural opportunities. Such a wide range of applications makes it difficult to identify a reliable measure of the size of the Internet economy.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 80 - febbraio 2015

Creative challenges

di Michele Trimarchi

It may sound obvious: in order for creative products to conquer markets we need creativity; business creativity. In the last decade debates and books about creativity were multiplied, in the attempt at answering to crucial questions ranging from the definition of creativity to the identification of creative activities, from the measurement of the impact of creativity upon local economies to the needed design of public action in support of creative artists and organisations. In such a way, although a varied and lively discussion is always healthy, ‘creativity’ was added to ‘art’ and ‘culture’ as iconic labels generously including an extremely wide and heterogeneous realm of objects, actions and exchanges. Neither right nor wrong, it seems to be the clear symptom of an urgency reflecting the attention (and the obsession) for taxonomies and hierarchies needed in the serial economy. The arts and culture, and quite recently creativity, have been absorbed in a simple and rigid view whose map is a grid of models.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 79 - gennaio 2015

The role of culture in society

di Vittoria Azzarita

In an age of insecurity and inequality, the capacity of culture to generate positive impacts seems to be a certainty. Over the past years, an increasing number of studies have analysed the cultural and creative industries’ realm with the aim to demonstrate that cultural projects are good investments not only in terms of social benefits but also in terms of economic and financial returns. Given the relevance of culture to people and places, an interesting report – released in July 2014 – presents an original perspective about the measurable economic effects of sport and culture on local economies. This study carried out a systematic review of over 550 policy evaluations of major sporting and cultural events and facilities, from the UK and other OECD countries. Promoted by the “What Works Centre for Local Economic Growth (WWG), which is a collaboration between the London School of Economics and Political Science (LSE), Centre for Cities and Arup, the study intends to help politicians and institutions “to have more informed debates and to improve policy making”.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 78 - dicembre 2014

Managing change and intimacy in the present

di Tara Aesquivel

Heraclitus is often cited as the source of the quote, “The only constant in life is change.” This seems to ring true now, more than ever, as advances in technology rapidly change our cultures: the ways we communicate and express ourselves, the availability of information and resources, and even how we spend our time each day. Of course, change is not new and we are not the first to experience it. As Michele Trimarchi illustrates in “Staging the Change?” our ancestors’ lives were radically altered with technological advances in farming, machinery and communications systems. How people react to and manage these changes can define their identity, both in the present and their place in history, over time. Artists and arts consumers run the gamut in their response to change: many chase the avant-garde while others, like J.S. Bach, pursue perfection of one form long after their contemporaries have moved on to newer modes.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 77 - novembre 2014

European Capitals of Culture: structures and infrastructures

di Stefano Monti

Culture and territory. A pair with an ancient but actual flair. A binomial that a growing number of public managers choose as the asset to economic development and to increase the quality of life, like in Qatar, where culture has peeped out with a certain delay on the desks of the European Union. At first excluded from EU subjects and focuses, culture has been recognized only at the beginning of the 90s as a subsidiary competence, while on the contrary, it would have been the essence of the integration in the European project. As Jean Monnet, one of the fathers and founders of Europe stated, “If Europe has to be rebuilt, maybe we should start from culture”. The absence of a real and shared cultural project should have been inserted in the process of economic integration to reinforce the EU directives. From a different perspective, it is to say that the absence of an economic structure, deprived of its cultural infrastructure, is visible in the diffused phenomena of dissatisfaction towards the European institutions, in the many misunderstandings and in the race amongst member states.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 76 - ottobre 2014

Do the arts dream of society? The secret war of languages

di Michele Trimarchi

Whenever I think, speak or write about the arts the crucial knot of my analysis is knowledge. Of course emotion is important, as well as some intellectual pride, but knowledge gives the flavour to the whole system. It is well rooted in the dramatic urgency that leads single creative artists to craft their works: if they were able to display their sentiments and views in an ordinary way – through plain spoken language, for example – they would not need any kind of expressive substitution, and their discourse should not need to rely upon powerful semantic channels able to convey it to its potential (even not desired) recipients. Knowledge is also important in the growth of creative tendencies, artistic and cultural groups, and all the social clusters advocating the rise and the consolidation of views, styles, techniques and all the methodological tools that can define creative waves. This normally occurs as a response to an insufficient conventional knowledge, in any case to push the threshold of language ahead. Whether it is only innovation (along the path) or revolution (against the path itself) its language wants to show, not without some surprise or even some repugnance, that the world needs new words, new concepts, possibly new truths.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 75 - settembre 2014

Le identità nascoste dello spazio urbano

di Vittoria Azzarita

Lo spazio urbano, inteso sia come luogo fisico che come entità immateriale, rappresenta lo scenario contemporaneo per antonomasia, l’habitat prediletto dalla specie homo sapiens sapiens, il contesto di riferimento di numerosi studi e analisi sulle società post-moderne. Frutto di successive alterazioni dell’ambiente naturale, gli agglomerati antropizzati di grandi e piccole dimensioni sono stati, e continuano a essere, oggetto di molteplici trasformazioni che contribuiscono a cambiare in modo radicale l’aspetto e le dinamiche sociali di interi gruppi abitativi. Se i nuclei originari di quelle che oggi sono le grandi metropoli mondiali, hanno visto i loro confini espandersi in maniera esponenziale nel corso del tempo, fino a diventare porzioni variamente assemblate di territorio che ospitano al loro interno milioni di abitanti provenienti da tutto il mondo, i contesti rurali e i centri minori – una volta cuore pulsante di un’economia di prossimità – sono divenuti una specie protetta a rischio di estinzione, minacciati in egual misura dall’abbandono, dall’invecchiamento della popolazione e dai fenomeni migratori che coinvolgono, con un’intensità crescente, le generazioni più giovani e istruite.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 74 - agosto 2014

Eventful Cities: the relationship between city development and cultural events

di Greg Richards

In recent years slogans such as ‘festival city’ or ‘city of festivals’ have become common elements of the brand image of many cities. But why have events become so popular? What are the benefits of being ‘eventful’? What is the relationship between city development and cultural events? How do cities create, shape, manage and market events, and how can those events in turn shape the city, its spaces and its image? The creation and promotion of events such as festivals, shows, exhibitions, fairs and championships, have become a critical component of urban development strategy across the globe. No city believes it is too small or too complex to enter the market of planning and producing events, which have become central to processes of urban development and revitalisation, as cultural production becomes a major element of the urban economy. By adding an intangible component to the physical culture of the city, events provide a scenario in which human contacts are possible, however superficial, and there is the promise of communitas through the shared experience of ‘being there’.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 73 - luglio 2014

Curiosity and contemplation: a geography of culture

di Michele Trimarchi

Culture is certainly rooted in specific sites. Such a simple feature has been used, often overused or even abused in the attempt at drawing borderlines or highlighting local pride, emphasizing a sense of belonging based upon the refusal of strangers and – symmetrically – the exploitation of foreigners. Despite its evident failure territorial marketing, more a label than a tool, is still adopted as a sort of Troy horse aimed at attracting blockbuster visitors rather than curious and non-prejudicial travellers. A geography of culture can be drafted. Its ancestor is the inevitably euro-centric view that convinced Napoleon to bring an army of archaeologists in Egypt: the aim was the enormous collection of ancient manufacts to be hosted in the new cultural hub, Paris. In such a way the newly born institution of nation state could show a powerful endorsement; while kings were there by grace of God and will of the nation, the bourgeois democracies devoted at keeping the manufacturing economy alive could only rely upon the past, even a stolen past. The golden age needed the sacred authority of grandfathers.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 72 - giugno 2014

Culture and development at a crossroads

di Antonio Paolo Russo

The two articles featured in this issue of Tafter Journal by Mazuba Kapambwe and Johannis Tsoumas may inspire some further reflections on the difficult, ‘liquid’ relation between place, ideology and politics, which is so present in almost any debate on the role and use of culture in development. Both papers tell us something of the ways in which culture can serve local development. However, the later is basically about what can go wrong – unimaginative planning abiding hidden interests and business tactics, though the ‘missed opportunity’ from the Athens case is only an arguably minor example of a wider system failure which screams for change and inclusion in decision-making. The former discloses the emergence of a new paradigm, a ray of hope from the plentiful sorrow that plagues the developing world: in the breech of the global cultural economy, social innovation and protagonism has flourished from technology and has reached even the more backwards – but still connected – places.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 71 - maggio 2014

What an effort “to enter out”! Closures and resistances in the cultural sector

di Elena Granata

“It might be easy for you, but you cannot imagine how difficult is for us to enter outside”. Few years ago, walking in the yards of Santa Maria Della Pietà, psychiatric hospital already closed, Thomas Lovanio, Franco Basaglia’s colleague, got these words from one of the guest of the hospital. He was referring to the difficulty of coming back into the city, a city that years ago had jailed and forgotten him. But now, just because someone have decided to close the psychiatric hospitals, this city has to absorb him again. The articles in this issue reminded me those words. How difficult is for our artistic and cultural system to shape open and innovative relations with the environment and the urban space, and to generate an innovative and transparent management. These difficulties are surely a limit to innovation and an obstacle to the cultural growth of our country. Urban studies have long observed that the most innovative systems are those capable of hybridizing different worlds.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 70 - aprile 2014

The challenging walk to digitization

di Vittoria Azzarita

The massive use of digital tools and technological devices requests a serious reflection upon the role played by culture in our society. Obviously, the black and white scheme does not work any more in a context where the long-established opposition between the comfort of the well-known processes and the uncertainty of the future scenarios has been knocked down by the notion of complexity. The so-called “digital revolution” represents a multi faceted phenomenon that has enemies and supporters who fight a daily battle over culture’s value. The former is used to predict the end of traditional newspapers, books, movies, music and so on, describing a desolate landscape of ignorance with no space for cultural and creative products and practitioners. The latter imagines the coming of the golden age of cultural contents which finally will be open and accessible to all for free. In between these two extremes, a wide range of intermediate points of view make possible those small and big changes that – considered as a whole – contribute to the contemporary structure of our analogical and virtual communities.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 69 - marzo 2014

The value of culture. Neverending debates need views and tools

di Michele Trimarchi

Within the rich and complex vocabulary of culture the word value is certainly overused. It is always associated with culture, however we prefer to define it (which is already a challenging task). Even those who hate culture, since they fear it, say that it has no value. Even when conventional metaphors are adopted, describing the cultural galaxy with examples from the food system (it feeds, it must be preserved, it decays, it may lead to greedy action, etc.), the perception of its value is crucial. If we just observe the meaning that the debate gives to the concept of value as applied to culture we may find a few interesting views, often conventionally shared and accepted, able to reveal the eternal struggle between opposite factions: those who believe that culture is a ritual and hermetic realm where only the initiated have the right to speak (and to act), versus those who consider culture as normal as any other product, being therefore subject to simple economic norms and mechanisms. Exploring this controversial map, where culture is pulled and stretched to endorse much wider and visceral views, we discover that culture appears powerful in providing individuals (and sometimes communities) with some ethical strength.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 68 - febbraio 2014

Does Culture Need New Audiences? Absolutely Yes!

di Vittoria Azzarita

In a time of austerity, audience development represents a fundamental aspect which should be taken into account. In the traditional business sectors, the demand side has always played a key role in order to predict and satisfy a huge range of needs – sometimes real, but more often market-oriented. On the contrary, in the Italian cultural realm we are witnessing a growing gap between the supply of products and services and the demand side. An excessive self-referential cultural system, together with a low attention to cultural audience’s requests and desirers, are at the same time cause and effect of a static perception of cultural phenomena. As Lyn Gardner noted in a recent Guardian blog, cultural organisations are afraid of asking people what they really want, transforming the relationship with the audience into a boring marriage of convenience. In this respect, if cultural institutions will continue perceiving themselves as locked places specifically dedicated to the upper classes of society, they will be doomed to forget their primary functions such as education and research.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 67 - gennaio 2014

Future Culture: Back To Normality

di Michele Trimarchi

Many things are occurring, quite often in the shadow, out of the places and groups where conventions are crafted and consolidated. The only possible reaction to changes and threats is action, not certainly discussion. Action requires thought and interpretation. But simply waiting for someone else’s action is wrong. Things will be never again as they used to be. A galaxy is in danger if it rejects evolution. Do we want to simply survive? It is time to examine the state of health of what we define culture, a complex set of objects, places, experiences and intuitions whose expansion and variety reject the conventional framework and require new views, effective tools, consistent approaches and versatile action. As in a war report, we can draft a list of the losses. Culture used to be based upon simple, powerful concepts and beliefs that are fading away. Culture, as we know it, was invented within the manufacturing economy: the enjoyment of the arts, an exercise old as humanity, has been standardised as the object of social and economic exchange. It has been special, almost ineffable, physically isolated and accessible only to the initiated. Now the pillars of that wisdom become progressively weaker.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 66 - dicembre 2013

The rise of the unconventional approaches

di Vittoria Azzarita

The complexity of the contemporary world, combined with the social needs of increasing portions of population, puts on the table new issues to address. In a context characterised by high degrees of competitiveness and few stocks of monetary and natural resources, enterprises and cultural organisations, in particular, have to face a growing number of challenges in order to survive. The global society’s state of art points out a huge variety of common weaknesses and structural threats that makes hard to imagine a better future. The current scenario speaks about museums at risk – considering, for example, the case of Detroit Institute of Arts which is very close to sell off its artworks to pay for a city’s general debt -; culture budget cuts from local authorities, which means that arts companies could lose their funding completely; downsizing plans, as it is happening to Bloomberg where the brand of cultural journalism is being shut down or to Australia’s major classical music magazine that may close; crisis in the humanities and social sciences, seen as “luxuries” or “a waste of time” and beaten by scientific faculties.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 65 - novembre 2013

Cultura e sostenibilità, questa è la sfida

di Emilio Cabasino

L’anno 2013 sta volgendo al termine e sull’ambito culturale nel nostro malandato paese si registrano segnali contraddittori e una discreta confusione, mentre altrove si lavora su ampi e assai impegnativi orizzonti e scenari. Gli articoli proposti in questo numero, e di cui si dirà più avanti, suscitano infatti un’istintiva riflessione sugli strumenti di analisi di cui (non) si dota il nostro legislatore e, di contro, evocano allo spirito l’encomiabile impegno di ricerca e metodologico che un organismo internazionale come l’Unesco sta portando avanti in questo periodo sul tema della relazione tra cultura e sviluppo sostenibile. La scadenza sulla quale l’Unesco sta lavorando, infatti, è quella della revisione/aggiornamento degli “obiettivi di sviluppo del millennio”, che avrà luogo nel corso del 2015 e in cui si sta cercando di inserirne uno in cui venga esplicitamente dichiarato il ruolo della cultura come elemento essenziale di sviluppo sostenibile. Si collocano in questo ambito l’incontro animato dal Direttore Generale dell’Unesco, Irina Bokov, i lavori della Conferenza di Hangzhou e l’ampio e molto interessante spazio che sul sito web dell’Unesco viene dato a studi, ricerche e organizzazioni che stanno elaborando metodologie di analisi e ricerche empiriche per la valutazione dell’impatto delle filiere culturali nelle dinamiche di sviluppo.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 64 - ottobre 2013

Exploring the world between nostalgia and desire

di Michele Trimarchi

In such a rapidly changing world certainties are strongly needed, and communities share a painful nostalgia for an idyllic past. While powerful people try to stop time a growing tribe of innovators and non-prejudicial individuals build a sort of network able to generate new views and to face new horizons. When the world fears change it means that its backbone is frail, and it cannot rely upon any consolidated principles or beliefs, therefore it can only protect the traditional ones. In the meantime new people accept the challenge and craft a new mankind. They only travel and explore, exchange intuitions and inspirations, ride donkeys, bring light luggage and read the stars to get oriented. Among the many outcomes of such an intensive and complex period we find the evolution of describing the world with maps where many various sites, routes and atmospheres were analysed and painted; and the evolution of books, in some decades transformed from manually written sheets to printed volumes. When they were developed not everybody felt at ease with these mysterious and unexpected objects.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 63 - settembre 2013

Who is responsible for the success of the arts and culture sectors?

di Tara Aesquivel

The arts are an essential part of life. This is a statement that can be evidenced in many ways, such as the important role the arts play in documenting history, helping people cope with difficult times, celebrating joyous occasions, expressing cultural or individual identity, and the arts are a key economic engine – employing hundreds of thousands and generating billions in revenues. In economic struggles of recent years, however, arts and culture activities have often suffered or been eliminated entirely. Some view the arts as a non-essential luxury that shouldn’t be afforded in hard times. I, like many readers of the Tafter Journal, will disagree with this sentiment. And I wonder, how can we make sure this attitude does not prevail? Who, ultimately, is responsible for the success of the arts and culture sectors? An informal poll of my colleagues produced answers such as: artists; arts and culture organizations; local, regional, or national governments; and even “people that care”.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 62 - agosto 2013

The importance of being innovative

di Vittoria Azzarita

The 21st century will be remembered as the century of creativity and innovation: from performing arts to manufacturing, from education to trade finance, all economic sectors – both conventional and unconventional – need to be creative and innovative in order to succeed in the current global market. Often considered synonymous, the terms creativity and innovation are actually two very different concepts. Creativity is indeed a phenomenon of hybrid nature, which consists of the generation starting from scratch of products, processes or pathways related to intuitive mechanisms not easily replicated by mere imitation; innovation is instead a incremental phenomenon, which contributes decisively to the increase in the quality and value of a certain productive activity pursuing a path already taken and adding to the technical and economic profiles. Not taking such a semantic difference into account, it is possible to identify the capability of developing new ideas in order to fill social gaps as the common shared value of creativity and innovation.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 61 - luglio 2013

Musei performativi e nuove indicizzazioni, questa è cultura 2.0

di Stefano Monti

La vita contemporanea sta vivendo una diffusione sempre più profonda e capillare del web e delle nuove tecnologie digitali. Questi strumenti stanno progressivamente andando a integrare e ridefinire un’ampia gamma di esperienze umane e lo stesso settore culturale può dirsi investito dalla loro diffusione, che ne ha più volte fatto il banco di prova per la sperimentazione di applicazioni differenti. In questo contesto, sono molti i versanti in cui le nuove tecnologie digitali possono intervenire: dall’ampliamento dell’accesso alle informazioni e ai contenuti artistici e culturali all’apprendimento, dalla fornitura di nuovi strumenti per sviluppare la propria creatività alla costruzione di esperienze fruitive innovative e coinvolgenti. La fruizione e la documentazione finalizzata alla ricerca e alla conoscenza costituiscono due campi di grande interesse per la sperimentazione di nuovi paradigmi digitali e l’applicazione degli strumenti tecnologici di ultima generazione. Le potenzialità di migliorare l’esperienza dell’utente su entrambi i versanti, infatti, sono notevoli. Gli articoli di Vanessa Michielon e di Andrea Cuna propongono una lettura di questi due orizzonti, portando alla luce trend emergenti ed esigenze reali.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 60 - giugno 2013

Città e “capitale culturale”

di Giovanna Segre

Nella ricerca del maggior e miglior benessere per una società, obiettivo che la scienza economica si pone esplicitamente, pur proponendo ricette dall’altalenante successo, emerge oggi un ruolo importante per la cultura. Si affaccia l’idea che, nell’impegno a trovare altri parametri da affiancare al tradizionale prodotto interno lordo (PIL) per misurare oltre al benessere materiale anche quello immateriale, si possa utilmente includere il riferimento al “capitale culturale”. Questo concetto è stato introdotto nella letteratura economica da David Throsby nel 2001 per mettere in luce come la cultura svolga un ruolo importante per uno sviluppo socio-economico qualitativamente superiore di un territorio, area vasta, circoscritta o centro urbano che sia. Nel capitale culturale coesistono la dimensione tangibile della cultura, composta da opere d’arte, manufatti artistici, musei, monumenti ed edifici di valore artistico e architettonico, per la quale il valore di asset è piuttosto evidente, e quella intangibile derivante dall’insieme delle idee degli atteggiamenti, simboli, credenze, usi e costumi, valori e tradizioni comuni o condivisi di una società o di un gruppo a essa appartenente

Leggi tutto

Tafterjournal n. 59 - maggio 2013

La cultura merita i fondi pubblici?

di Michele Trimarchi

Il rapporto tra attività culturali e fondi pubblici è oggetto di un interminabile tormentone. Come sempre, le schiere si assestano su fronti opposti e per atterrire gli avversari adottano argomenti da giorno del giudizio. L’aggettivo più usato è ‘giusto’, che dovrebbe trovare poca cittadinanza in un sistema permeato da libertà espressiva, intuizione progettuale, ricchezza relazionale. Ma, ahimé, fin quando lo spettro di Benedetto Croce continua ad aleggiare sulle cose culturali italiane (e magari anche europee) finiamo per volgere una questione tecnica in un dilemma etico. Esplorando la variegata casistica dei progetti culturali realizzati con una combinazione variabile di entrate proprie ed entrate derivate, per lo più di fonte pubblica, si cominciano a vedere le coordinate di percorsi non necessariamente lineari, e spesso fragili nell’impianto logico. La sovrabbondanza di fondi pubblici a tutti i livelli di governo (partendo da quello dell’Unione Europea e finendo su quello municipale) è stata negli anni controbilanciata dall’ossessione tutta bizantina di emettere bandi erga omnes, in modo da schivare l’accusa di intelligenza con il nemico. L’effetto è stato quello di sovrapporre e contrapporre la mappa delle formalità alla mappa delle azioni concrete, lasciando convivere serenamente protocolli asettici e negoziati opachi, sportelli carichi di timbri con lo stellone e corridoi intasati di relazioni ammiccanti e accordi compiacenti.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 58 - aprile 2013

Il dialogo che ci può salvare

di Emilio Cabasino

Il coinvolgimento dei cittadini nella conservazione e valorizzazione del patrimonio culturale e la creazione e gestione di un’offerta turistica adeguata alle esigenze di una domanda evoluta, e a un mercato sempre più competitivo, sono argomenti sui quali si è posta frequentemente l’attenzione, come elementi combinati di una medesima opzione strategica, finalizzata a sviluppare nel nostro paese forme di crescita economica sostenibile, diffusa e duratura. Per elaborare una strategia, bisogna, però, conoscere gli elementi e le dinamiche in gioco e saper vedere in prospettiva. Per conoscere bisogna studiare e per vedere in prospettiva si deve essere capaci di elevare lo sguardo oltre il nostro, limitato orizzonte. Di entrambi questi approcci sono orfane le nostre istituzioni che governano il paese tutto, nonché quelle preposte al governo della cultura e dell’industria turistica, ma, dal momento che la speranza è l’ultima a morire, non è detto che prima o poi qualcuno non possa accorgersi che si può intervenire, positivamente ed efficacemente, in tal senso.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 57 - marzo 2013

The Cultural Dimension of Sustainability

di Vittoria Azzarita

It is time to find new ways of injecting culture into business strategy. Economic downturn is quickly spreading across the big Western democracies because of an interconnected and global production system, causing a negative impact in terms of growth, employment and social cohesion. The recent financial crisis also brings to light the structural limits of a development model based on the anachronistic equation between richness and well-being. In the contemporary economic system, companies have to face a huge variety of challenges: competitiveness, innovation, sustainable development, and social and environmental responsibilities in order to survive in a global market. According to the so-called “happiness paradox” and paraphrasing a famous expression, the right answer to the recent economic and financial crisis cannot be “production for production’s sake.” In a world overstocked with goods, we need to reverse our lens and start exploring and explaining the power of culture to business.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 56 - febbraio 2013

Why should we care about the arts?

di Michele Trimarchi

Many things are disappearing from the political agenda: the emerging economic paradigm is totally ignored, as if nothing had happened in the most recent years showing the final breath of manufacturing capitalism; the new social complexities are feared, as if we could set the world’s clock back to the colonial age; the environment is considered only when it smells of business; the redistribution of roles and power in a society whose leading value is knowledge is viewed as a threat for the consolidated boxes in which individuals and groups are comfortable although mummified. In such a reluctancy against changes the arts and culture have been totally eliminated from any discussion, and almost no program takes them seriously. Many professionals still enjoy complaining about our permanent emergency: according to their oleographic view we are under siege by a horde of barbarians and nobody provides culture with adequate funds. The arts and culture still appear in the news and in the debate only when some masterpiece is overpaid in auctions, or some disaster occur. The discussion is still drawn with ethical colours, painting culture as a religion rather than a pleasure.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 55 - gennaio 2013 - numero speciale epos

Perchè vogliamo occuparci di cultura

di Vittoria Azzarita

L’intento di epos è quello di restituire al settore culturale la sua abilità di capire prima degli altri i cambiamenti in atto e di intercettare con largo anticipo le nuove tendenze che attraversano i sistemi economico, politico e sociale, perché l’intuizione di come la cultura possa innervarsi nel tessuto cognitivo quotidiano è già oltre la visione corrente. I contributi raccolti in questo numero speciale di Tafter Journal non rappresentano un tentativo poco riuscito di replicare il contenuto dei numerosi studi e rapporti che hanno già illustrato in maniera egregia e approfondita le caratteristiche e le componenti fondamentali del sistema culturale italiano. Gli articoli qui presentati non intendono restituire una misura dell’impatto del settore culturale sul tessuto nazionale, né fornire una nuova tassonomia dei beni e delle attività culturali, ma attivare – attraverso un dialogo intergenerazionale – un processo critico che conduca verso un progressivo miglioramento delle forme di governo e di gestione dei beni e delle attività culturali, circostanziando soprattutto degli interrogativi e lasciando trasparire delle possibili risposte.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 54 - dicembre 2012

Evoluzione o patologia della specie?

di Emilio Cabasino

Può l’etimologia della parola “cretino” aiutarci a proporre qualche riflessione su quanto pubblicato in questo numero della Rivista, in cui si affronta il tema delle professioni “creative” in Europa e dell’insediamento di immigrati nell’area della Capitale italiana? Partendo da una fonte primaria ormai desueta, quale il vocabolario Devoto-Oli, impariamo che il significato è quello di: “stupido, imbecille” – Che è indice di stupidità (momentanea o abituale). La stessa fonte definisce il cretinismo come una deficienza di sviluppo mentale e fisico per insufficienza della funzione tiroidea. La tiroide, infine, è una ghiandola endocrina, la cui funzione consiste nella produzione di sostanze iodate, che hanno efficacia stimolatrice su tutto l’organismo, influenzando l’accrescimento, il metabolismo, l’attività neuromuscolare, l’apparato circolatorio. Il parallelo che si vuole in questo modo evocare è quello di un corpo (in questo caso politico e sociale) come quello europeo nel suo complesso e, in particolare quello italiano, che deve porre la massima attenzione al funzionamento della propria “ghiandola endocrina”, il cui elemento chimico essenziale (iodio) può essere rappresentato dalla creatività e dall’apporto delle popolazioni migranti.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 53 - novembre 2012

Diversità e senso critico

di Mercedes Giovinazzo

La diversità, anche culturale, è intrinseca all’essere umano. Non è da confondersi però con il bisogno di appartenenza, che può diventare identità e che si declina in modi diversi – nazionale, tribale, religiosa, sportiva, ecc. -, e che, a sua volta, non deve neanche confondersi con la nazionalità o la cittadinanza, cioè quell’appartenere a una entità territoriale, lo Stato moderno per esempio, che conferisce a una persona la qualità di cittadino, con diritti e doveri. La diversità è sempre esistita; com’è sempre esistito, in eterna dicotomia con essa, il bisogno di appartenenza. L’esempio forse più “moderno” nel nostro mondo occidentale di risoluzione di tale dicotomia è il mondo romano: non vi è, forse, esempio di maggiore tolleranza per la diversità in tutte le sue forme pur nel riconoscimento di un’appartenenza ad un’entità collettiva. Il bisogno che oggi si sente, prepotente, di teorizzare sulla diversità anche culturale e sulla necessità che le politiche pubbliche la riconoscano o la integrino, potrebbe quindi quasi sembrare alle volte un teorico esercizio di stile.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 52 - ottobre 2012

Quale olio per la cultura?

di Stefano Monti

A causa della crisi economica che serra non solo l’Italia ma anche molti dei paesi europei e non, e che ha portato e porterà a ridurre drasticamente le risorse destinate al sistema culturale è necessario, oggi più che mai, acuire l’ingegno e cercare di far fruttare al meglio ciò che si ha a disposizione. Per questo motivo è di fondamentale importanza adottare e saper utilizzare strumenti e strategie efficienti ed efficaci per favorire un profondo sviluppo economico, sociale e culturale dei territori e patrimoni italiani. Un elemento che, se non impedisce, sicuramente ostacola questo obiettivo è il ruolo spesso troppo superficiale degli economisti, tenuti lontano da una italianissima diffidenza dei conservatori e dirigenti della cultura nei confronti degli strumenti e delle metodologie proprie dei processi economico-aziendali.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 51 - settembre 2012

Emerging Culture: Weak Labels vs. Strong Views

di Michele Trimarchi

For many years culture has been too slow: static, self-celebrating, devoted to a club of presumed cultivated individuals; the convention used to consider culture as the source of spiritual value, therefore objective and eternal. Slow culture cannot evolve. Recently what we define culture has become too fast: spectacular, superficial, devoted to mass-tourists prepared to buy nights in hotels and meals in restaurants. Fast culture cares about income. In both cases labels count quite a lot; it is a matter of communication, either selective as before or ecumenical as after. Culture has been no more than a list of objects and facts, whose inclusion in the magic set strongly depended upon the ritual presence of such i-tems into museums, theatres and sites: the container gave power to the contents. This ended up to freeze culture as a homogeneous system, and to drain the audience into a cloned mass. Mummified culture was useful for its disneysation too, aiming its comfortable homogeneity at the attraction of a wider audience and at making some money.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 50 - agosto 2012 - numero speciale

KIZUNA, uniting people

di Manuela Ricci

Il Centro di ricerca Fo.Cu.S , Sapienza, Università di Roma ha organizzato il convegno “Ri-costruzioni” con l’obiettivo di evidenziare come gran parte del patrimonio storico italiano (in particolare quello dei piccoli centri storici) sia aggredito, ormai da anni, da eventi calamitosi che portano alla sua distruzione fisica e al connesso spaesamento delle comunità. Questo numero speciale di Tafter Journal raccoglie i paper presentati in occasione del convegno, che ha inteso affrontare l’argomento ad ampio spettro, sia dal punto di vista dei diversi tipi di disastri che provocano distruzioni e trasformazioni del territorio, quasi sempre irreversibili, sia dal punto di vista delle comunità coinvolte. La partecipazione di studiosi ed esperti di livello internazionale è finalizzata a guardare da angolazioni diverse, connesse alla specificità dei paesi, lo stesso problema: il disastro territoriale, la perdita della casa, lo spaesamento nei territori distrutti e la difficoltà di ricostruzione fisica e sociale, la scala territorialmente appropriata della ricostruzione.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 49 - luglio 2012

The Sacred and the Vulgar

di Tara Aesquivel

Last month Richard Florida released a new edition of his famously controversial book, “The Rise of the Creative Class Revisited”. Now that the business world is interested in creativity, the new edition could, potentially, outsell the first edition many times over. The recent popularity of creativity may come as a relief to some. Those that have been tirelessly advocating for the arts’ place in education can now more easily connect arts education to preparedness for entering the workforce. Cultural economists also benefit as more cities want metrics to prove the cultural vibrancy of their community. This edition of the Journal includes an article by Valentina Montalto, in which she describes new efforts to quantify the impact of creative industries and, importantly, the effects of policy; and an article by Julia Ferreira de Abreu, in which she describes steps an institution can take to become an integrated member of its community.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 48 - giugno 2012

A cultural elsewhere

di Michele Trimarchi

Many things are occurring in the cultural system. While scholars try to understand the features of the emerging paradigm, in the real world things simply happen: maybe the problems are quite the same as before, but the needs are certainly evolving. Culture is becoming central in the approach of so many individuals and groups and we can observe that, despite the frequent complaints generated by a fearful and static view, there is a shared perception of the unique and multi-dimensional impact of culture upon welfare and happiness. Rather than emphasizing the symbolic value of phenomena, the prevailing value is their actual ability to face and possibly solve problems. The articles on place branding by Ares Kalandides, and on crowdfunding by Chiara Spinelli address specific issues connected by a common orientation: a new conception of time and space needed to craft the emerging identity of contemporary society.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 47 - maggio 2012

Godere e diffondere conoscenza e amore per il patrimonio culturale

di Emilio Cabasino

Evocando un sagace slogan di qualche tempo fa del sempre benemerito FAI (Fondo per l’Ambiente Italiano), che recitava più o meno così: “conservi ciò che ami, ami ciò che conosci”, si può dire che conoscenza, ri-conoscenza e affetto verso le proprie memorie sono alla base della catena del valore, che porta a conservare e tutelare beni spesso oggettivamente “inutili”, se visti con l’ottica dei frenetici ritmi e degli spietati canoni di un’esistenza come la nostra, votata al consumismo più esasperato. Un telefonino o un elettrodomestico rotto, oggi, non si ripara, si butta … (e se ne compra un altro!). Come si può essere legati, in famiglia, ad un oggetto di nessun valore, ma che è appartenuto ed è stato usato da un parente la cui memoria è cara, o autorevolmente riconosciuta, o riferibile a contesti storici che hanno contraddistinto epoche più o meno recenti, così si dovrebbe fare per il nostro patrimonio storico-culturale, avendone in primo luogo contezza dell’esistenza e, in secondo luogo, sapendogli attribuire valore.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 46 - aprile 2012

Il mondo secondo Gauss: geo-localizzazione e riferimenti del territorio

di Renzo Carlucci

Due temi, connessi alle infrastrutture sensoriali delle città, ci riconducono alla considerazione dell’importanza dei riferimenti su cui poggiano le rappresentazioni della realtà in cui viviamo. In una smart city, entità ancora non ben definita, ma fortemente percepita, voluta, promossa e analizzata negli ambienti della neo-geography, ma anche in via di commercializzazione da parte di alcune realtà industriali, si integra l’espressione artistica “migrante”, derivata dai flussi degli artisti d’Oltre-Europa, spesso difficilmente geo-localizzati e dispersi in spazi cittadini non consoni alle loro attività. Si rappresenta l’aspetto “polifonico” delle città utilizzando tecnologie geografiche per raffigurare particolari aspetti dell’umanità in sistemi di mappe pluridimensionali condivise, come ad esempio le Maps of Babel, che mirano a individuare schemi e modelli di comportamento alla scala urbana delle diverse etnìe che la abitano.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 45 - marzo 2012

Sistemi generatori e organizzatori di cultura

di Ludovico Solima

Quali sono i sistemi generatori e organizzatori di cultura: questa è la domanda alla base dei due contributi, l’uno di Valeria Dell’Aquila, l’altro di Fabiana Lanfranconi, che suscitano riflessioni e spunti diversi ma interessanti. Il primo dei due contributi assume una prospettiva spesso trascurata, analizzando la spinta propulsiva “dal basso” o, se si preferisce, spontanea, in termini di iniziative ed eventi culturali. Il pretesto per approfondire il tema è la città di Torino e le sue politiche culturali degli ultimi anni che ne hanno cambiato pelle, favorendone la trasformazione da città industriale a luogo delle culture. Il secondo ha in comune con il primo il problema della governance culturale, sebbene con una prospettiva in questo caso pienamente istituzionale, inserendosi in un dibattito, oramai ricco e articolato, sul modello delle Fondazioni di Partecipazione come possibile sintesi tra settore pubblico e privato nel campo della gestione museale.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 44 - febbraio 2012

Non è un museo per tutti

di Stefano Monti

La definizione ICOM di museo, elaborata durante l’Assemblea Generale di Seul, ormai risalente al 2004, fa emergere chiaramente le due funzioni primarie dell’istituzione: quella di conservare manufatti, oggetti, opere e quella di trasmettere cultura e diletto. Dalla definizione emerge anche la stretta connessione del museo con il tessuto sociale, trattandosi di un’istituzione al servizio della società e del suo sviluppo. Proprio da tale scopo essenziale consegue il grande problema dell’istituzione museale: le grandi trasformazioni economiche e valoriali che caratterizzano gli ultimi anni impongono al museo di definire la propria identità, non più come fluttuante e autoreferenziale, ma come qualcosa che “si fa carne” e diventa brand. Seppure molti ancora mostrino delle forti resistenze al riconoscimento dell’opportunità di un connubio tra management e cultura, in una relazione di continuo interscambio di elementi positivi tra questi due mondi apparentemente lontani, la questione della brand personality vanta già esempi di successo di pubblico formidabili, dimostrando come il museo possa comunicare perfettamente e in modo immediato la propria identità fatta di passato, presente e proiezione futura.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 43 - gennaio 2012

Orientamenti

di Michele Trimarchi

Quando si parla di cultura si finisce per mettere a fuoco il concetto di identità. Sono proprio le cose (beni, attività, idee) senza identità o con elementi parziali e insufficienti a farci escludere che si tratti di cultura. Stiamo maneggiando un concetto complesso, evolutivo, che la paura e l’ignoranza legano soltanto al passato, come se l’identità dovesse essere protetta; al contrario, è la mancanza di prospettiva che taglia le ali all’identità, qualunque essa sia. Ora, anche senza addentrarci troppo nei delicati meandri del tema, si può capire quanto esso sia meritevole di attenzione se si prova a fare un elenco: la convenzione culturale vigente abbraccia cose esistenti e magari anche molto anziane, ma difficilmente si potrebbe negare la caratura culturale di “2001 Odissea nello spazio” o di “Blade Runner”, così come della world music o di altri prodotti culturali nati in laboratorio e non riferiti al passato.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 42 - dicembre 2011 - numero speciale

What’s the “city” in the design and implementation of the European Capital of Culture? An open issue

di Davide Ponzini e Sampo Ruoppila

The European Capital of Culture (ECoC) is a long-standing programme that invites visibility for a cultural mega-event that aims to highlight the richness and diversity of European cultures and the features they share, and also to promote greater mutual knowledge and understanding among Europe’s citizens. The set of papers in this special issue of Tafter Journal intends to highlight the relevance of different interpretations of space for cultural policy-making and urban policy design more broadly, as well as their economic, social and cultural implications. The call for papers critically focused the analysis and interpretation on the urban dimension included in the ECoC programme proposed by cities, as well as in the implemented projects.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 41 - novembre 2011

La rivoluzione copernicana che aspettiamo da tempo

di Emilio Cabasino

Mi fa piacere constatare che esistono giovani ricercatori che lavorano quotidianamente senza avere paura degli errori o dei limiti in cui necessariamente può incorrere chi si applica a tale attività e che questa costatazione mi ha generato una speranza. La speranza che, come è accaduto del tutto inaspettatamente nel Nord Africa quest’anno, anche da noi possa prima o poi avvenire una nuova rivoluzione copernicana, una “primavera della cultura”, in cui venga invertita la prospettiva dominante e la cultura venga finalmente riconosciuta come carburante e motore essenziale della nostra economia del futuro. Su questo fronte c’è ancora tutto fare. Basta analizzare il Piano Nazionale di Riforma (PNR), documento programmatico che è parte integrante del Documento di Economia e Finanza (DEF) nazionale, redatto secondo i format richiesti dall’Unione Europea, per rendersi conto di come l’ambito della cultura sia del tutto assente dall’orizzonte dei nostri governanti, secondo la prospettiva appena evocata. Io credo, invece, che, se si vogliono effettivamente raggiungere gli obiettivi indicati in tali documenti, sia necessario un rinnovamento sostanziale, condiviso da parte dei cittadini, che è in primo luogo una consapevolezza di ordine culturale delle sfide imposte dall’economia mondiale e nazionale.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 40 - ottobre 2011

L’Italia non è solo un “disastro”…

di Mercedes Giovinazzo

Recentemente sono stata a Lecce, per lavoro. Non vi ero mai stata prima. Alloggiata in un albergo “fuori le mura” sono arrivata in tarda notte. La mattina dopo mi sono avviata, a piedi, in centro. Dappprima mi è parso di trovarmi in una qualsiasi città moderna del meridione d’Italia ma poi, varcate le mura nei pressi del Castello Carlo V, con mio grande stupore, mi è parso di entrare nella scenografia di uno spettacolo teatrale o operistico. Quasi come in un sogno o in un film, la città si trasformava davanti a me: bellissima e pulita, la luce di prima mattina metteva in valore un patrimonio architettonico eccezionale. Con ancora piú stupore ho vissuto la città anche di pomeriggio e di notte: gente ovunque, movimento, traffico, locali affollatissimi… Ho capito di non essere in una città-museo ma in una città viva, in pieno fermento, nella quale i leccesi – ma non solo – si sono riappropriati appieno dello spazio pubblico cittadino: non solo di quello intra ma anche di quello extra muros dove palazzi, edifici, parchi, giardini, viali sono vissuti, frequentati e, addirittura, gestiti dalla cittadinanza.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 39 - settembre 2011

Dove va la cultura? Un sestante per il futuro

di Michele Trimarchi

Stiamo seppellendo un mondo che ci sembrava perfetto ed era soltanto anabolizzato. La cosa dura ormai da un poco, ma soltanto negli ultimi mesi è diventata talmente forte e intensa da non poter fare più finta di niente. E non diciamo, per favore, che a morire è la cultura: il terrore dei barbari, veri o presunti, è soltanto l’ennesimo alibi per tentare di far durare un paradigma che in fondo sembrava protettivo e comodo. Al contrario, la cultura è l’unica che sopravviverà, dopo essersi salvata da un sistema lungo più di due secoli che ha cercato in tutti i modi di appropriarsene dileggiandola e drammatizzandola. Generazioni brutali in fabbrica e in ufficio, facili all’adulterio e a molte altre nefandezze ma affascinate dalla possibilità di singhiozzare all’opera, di svenire nei musei, di commuoversi in un sito archeologico.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 38 - agosto 2011

Se ha funzionato nel Bronx…

di Emilio Cabasino

Quello che serve complessivamente al nostro Paese è senz’altro l’individuazione delle priorità delle politiche culturali su scala nazionale e la loro indispensabile modulazione particolare su scala regionale e locale, mantenendo, però il minimo comun denominatore della “rinascita” identitaria, sociale e, quindi, anche economica, come nel Bronx. Il benessere in cui siamo (fortunatamente) avviluppati e dall’altra parte il degrado del livello medio del dibattito politico a cui siamo costretti ad assistere da troppi anni hanno provocato un mix micidiale di indifferenza, individualismo e scetticismo sul fatto che qualcosa possa cambiare, ma qualche piccolo segnale di speranza di rinnovamento c’è e le testimonianze proposte nei contributi di Paolo Bertani e Marco Serino aiutano ad alimentarla.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 37 - luglio 2011

Convention, atomi e bit

di Renzo Carlucci

La recente riunione annuale della World Heritage Convention ha portato venticinque nuove nomination per i Siti Mondiali Unesco, ma anche molte polemiche, come quella della Tailandia che ha minacciato di denunciare la Convention poiché un suo sito, il Temple of Preah Vihear, non ha ancora ricevuto l’ambito riconoscimento. Avere un sito iscritto nella lista del Patrimonio Mondiale non comporta vantaggi economici ma è comunque un fatto di prestigio che molte istituzioni vogliono conquistare, cimentandosi per raggiungere l’ammissione che richiede il rispetto di una serie di complesse norme. L’Unesco ha anche una lista del Patrimonio a Rischio nella quale, l’essere inseriti, è considerato un discredito per l’istituzione o il Paese responsabile.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 36 - giugno 2011

Ecosistemi culturali emergenti

di Michele Trimarchi

Che la realtà stia cambiando pochi hanno il coraggio di negarlo. Siamo dentro un mutamento epocale: parte dalla fine conclamata del paradigma economico e sociale che ci ha confortati per oltre due secoli, passa attraverso nuove consapevolezze e responsabilità, approda su una griglia forse non del tutto inedita ma certamente solida, costruita su relazioni, qualità, molteplicità. Non mancano i nostalgici di un ordine che era certo, appagante e carico di promesse etiche, grazie al quale la borghesia si è autodefinita illuminata anche quando cominciava a non capire granché dell’evoluzione della propria specie. E poi, a ben guardare, i nostalgici più accaniti sono coloro che giocano in difesa di posizioni protette e garantite: i professionisti del settore culturale. Con buona pace di tutti, il mondo percorre una strada nuova e la direzione è indicata da prodotti creativi, beni di conoscenza, valori culturali; ma non possiamo appigliarci alle cose già successe.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 35 - maggio 2011

I beni culturali immateriali. Ipotesi e prospettive di gestione

di Fabio De Chirico

È curioso come nel Codice Urbani non ci sia alcun riferimento ai beni “immateriali”, se non in termini generici. Ne discende un’assenza sul piano normativo, colmata unicamente dalla Dichiarazione Unesco del 2003. Eppure il ruolo dei beni etnoantropologici nella cultura di un popolo è notevolissimo e pone, oggi più che mai, il grande problema della loro tutela e conservazione. Bisogna, e al più presto, elaborare delle strategie interpretative dei cambiamenti e riformulare, in una società come la nostra che è quella del multiculturalismo e di sempre più rapidi processi di ibridazione culturale, una sorta di medium dove collocare una lettura scientificamente corretta del patrimonio culturale immateriale che non significa patrimonio legato genericamente e superficialmente al passato, ma patrimonio vivo in ognuno di noi e radice profonda che alimenta il nostro presente.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 34 - aprile 2011

Esercizi di democrazia tra partecipazione e creatività

di Manuela Ricci

L’articolo di Laura Cataldi ed Enrico Gargiulo ci porta dentro i cosiddetti “processi partecipativi”, con lo svelarne alcuni aspetti più problematici sui quali spesso si “scorre”, consapevolmente, per non inficiare la presunta portata politica di alcune operazioni, o inconsapevolmente, perché, in modo banale per inerzia o per troppo enfasi “democratica”, non si pone mente alle difficoltà e ai limiti che tali processi incontrano per una loro piena esplicazione. Dal canto suo, Valentina Montalto scrive di “creatività”. E’ un termine su cui occorre riflettere; la creatività nella cultura, le città creative, tutto poggia spesso su mode, anche se nuclei di attività veramente significativi e innovativi si stanno sviluppando, nel tentativo di superare le barriere delle piatte omologazioni. Si può essere creativi non solo negli ambiti della “cultura” (intesa, spesso, come qualcosa di immateriale immerso in un’aurea superiore) ma anche al tavolo di un Piano di Zona, toccando con mano i problemi quotidiani della gente e provando a dare risposte “originali”.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 33 - marzo 2011

L’arte, il luogo e la sua assenza

di Giovanna Segre

Ai primi di gennaio ha chiuso a Stoccolma, al Moderna Museet, la Moderna Exhibition 2010, una mostra che ogni 4 anni fa il punto su cosa sia l’arte contemporanea svedese. Chi, come me, abbia visitato la mostra ha potuto seguire il pensiero dei curatori Fredrik Liew e Gertrud Sandqvist nel dare una risposta alle domande sul tipo di vita che oggi contrassegna il Paese, su come questa vita si rifletta nell’arte e su quale ruolo vi svolga l’artista contemporaneo. Le domande sono di per sé interessanti, e le opere dei 54 artisti selezionati sulla scena svedese erano lì a fornire la propria personale risposta. Ma molto più interessante è stato per me, che svedese non sono e che in Svezia ero casualmente e per la prima volta per un invito a intervenire a una conferenza sulla gestione sostenibile dei siti Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco, leggere la sintesi posta all’ingresso della mostra,che nulla conteneva di specifico sulla Svezia. Aveva invece a che fare con lo straordinario modo in cui la produzione artistica contemporanea si intreccia con la vita di un luogo, un modo al tempo stesso inafferrabile e precisissimo. L’arte contemporanea di un luogo è, infatti, sia quella prodotta dagli artisti che in quel luogo vivono, ma che sono nati o cresciuti in qualunque altra parte del mondo, così come è arte contemporanea di quel luogo l’opera degli artisti che lì sono nati e che poi sono diventati cittadini del mondo. Oppure è opportuno fare una scelta tra una delle due visioni?

Leggi tutto

Tafterjournal n. 32 - febbraio 2011

Innovazione e nostalgia

di Mercedes Giovinazzo

Nei momenti di crisi, l’avvocato barese di fiction, Guido Guerrieri riempie di pugni il suo sacco da boxe oppure gironzola in bicicletta per la sua città – una città che negli ultimi decenni si è trasformata e dove, oggi, coesistono quartieri residenziali, malfamati o marginali e quartieri che brulicano di locali dove bere e mangiare, leggere, ascoltare musica o fare due chiacchiere con un padrone, a volte stravagante, che ha importato usi dall’estero. L’articolo di Giambalvo e Lucido sulla recente trasformazione urbana di Palermo mi ha fatto pensare a Guerrieri, alla sua Bari; ma anche ad altre città, come Barcellona, da dove scrivo. Città in cui si sono attuati progetti di recupero patrimoniale dei centri storici per lottare contro il loro spopolamento, di risanamento di quartieri per contrastarne l’insalubrità o evitarvi la cristallizzazione di criminalità.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 31 - gennaio 2011

Cultura come strumento per una vita migliore

di Emilio Cabasino

Se pensate di essere soddisfatti e realizzati dallo standard di vita consumistico proposto dai modelli di sviluppo vigenti, con tutto ciò che ne consegue in termini di costi sociali e ambientali, e pensate che le risposte ai problemi eventualmente rilevati siano identificabili in dottrine e formule eminentemente economico-finanziarie, non leggete questo numero della rivista, perché la prospettiva analizzata e le iniziative di cui si dà conto vanno nella direzione opposta. Gli articoli di Chiara Galloni e Filippo Fabbrica, infatti, assai diversi per stile e soggetto, manifestano una coerenza singolare con la mia personale visione del significato essenziale del lavoro e dell’attività in ambito culturale, come strumenti per costruire una vita migliore. Vita migliore significa, infatti, un mondo in cui siano ristabilite relazioni umane e sociali improntate al rispetto reciproco e delle regole indispensabili del vivere comune, in cui la velocità non sia sinonimo di superficialità, in cui la crescita economica non sia realizzata a scapito delle risorse naturali non rinnovabili.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 30 - dicembre 2010

Possiamo ancora permetterci di non ascoltare?

di Stefano Monti

Abbiamo scelto di chiudere l’anno pubblicando due articoli che delineano, dal nostro punto di vista, un passaggio cardine per la comprensione delle modalità attraverso cui gli attuali strumenti operativi possono essere messi a disposizione del Terzo Settore, del non profit e del sociale. Ci teniamo a distinguere tali ambiti con grande attenzione, perché molti, anche tra gli operatori del comparto, tendono ad accomunarli e renderli sinonimi, quando in realtà non lo sono. Il percorso di lettura che vorremmo tracciare è quello dello sviluppo del Terzo Settore come mezzo per promuovere nella comunità locale, la “cultura del dare, come valore sociale esteso”. Lettura che noi riteniamo fondamentale e non più procrastinabile a causa dell’accentuarsi delle dinamiche di differenziazione della società, dinamiche che rendono necessario ripensare lo sviluppo dello Stato Sociale promuovendo la partecipazione e l’assunzione di responsabilità di una parte consistente della comunità.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 29 - novembre 2010

Il gioco (analogico e digitale) della cultura

di Michele Trimarchi

E’ tempo di leggerezza, finalmente. Un po’ di anni fa l’aveva presagito Italo Calvino, che proprio con la leggerezza intendeva aprire i suoi memos for the next millennium, le Norton Lectures impedite da una morte dispettosa. Ma nessuno ci aveva fatto davvero caso, almeno da noi, abituati a sopravvivere in un paese bizantino nelle forme, greve nei meccanismi, torvo nelle relazioni, privo di senso autocritico. (Questo lo pensava Flaiano, quando amaramente diceva: la situazione è grave ma non è seria). Che c’entra la cultura con la leggerezza? con il gioco? con la novità? Ancora qualche giorno fa un importante quotidiano italiano manifestava una feroce nostalgia per il passato, unica possibile culla della cultura. Senza radici, non c’è identità. A furia di pensarlo, e di proteggerci dietro questo dogma indimostrato ma comodo e rassicurante, abbiamo reso il paese come un gigantesco frigorifero senza cucina, un luogo nel quale si conserva tutto ma non ci si riesce a nutrire.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 28 - ottobre 2010

Patrimonio, tecnologie sociali e sfide della cultura della partecipazione

di Elisa Giaccardi

Gli utenti di tecnologie sociali come Twitter, Facebook e Flickr sono in costante aumento. Nuove forme di intendere e comunicare il significato e il valore delle nostre esperienze e delle nostre memorie si accompagnano alle interazioni quotidiane di milioni di persone. É la nascita di un nuovo senso di patrimonio: “non ufficiale”, idealmente “democratico” e fortemente legato alle culture di partecipazione promosse dalle tecnologie sociali.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 27 - settembre 2010

La cultura del dato geografico per la salvaguardia del territorio

di Renzo Carlucci

Negli ultimi anni la domanda dei consumatori per informazioni legate al dato geografico, geospatial, è salita alle stelle, basti pensare ad esempio ai sistemi di posizionamento GPS e alla loro integrazione con le mappe digitali che hanno portato alla ribalta dispositivi di navigazione portatili usati quotidianamente da milioni di persone. Le amministrazioni pubbliche e gli stessi politici fanno sempre più uso delle informazioni geospatial per produrre mappe delle pianure alluvionali, condurre i censimenti, mappare i pignoramenti o rispondere alle richieste per i rischi naturali come terremoti, incendi e alluvioni. Ai responsabili delle decisioni, questo tipo di dato può essere di grande aiuto per chiarire i problemi complessi che possono coinvolgere amministrazioni locali e centrali sulla gestione del territorio.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 26 - agosto 2010

Senza riforma della pubblica amministrazione anche la partecipazione naufraga

di Massimo Zucconi

Cresce la percezione dei limiti nell’uso delle risorse esauribili e la voglia di capire dove e come si prendono le decisioni che riguardano il nostro futuro. Un bisogno che spesso s’infrange nella giungla della pubblica amministrazione italiana. Non sempre, infatti, è agevole capire dove e come si decidono le trasformazioni delle città, del territorio e dell’ambiente in cui viviamo.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 25 - luglio 2010

Cultura e sviluppo, provare per credere

di Emilio Cabasino

Da tempo si assiste nel nostro Paese all’uso e (all’abuso) dell’accostamento del termine cultura a quello di sviluppo e non coerenti appaiono spesso le linee di intervento nazionale e locale che dovrebbero tradurre in politiche attive e virtuose tale binomio. E’ così che in tempi di crisi (che c’è per davvero) si ripropone il balletto, quello di cifre e polemiche sui tagli fatti con la scure per risparmiare ove possibile sulla spesa pubblica, colpendo, ovviamente, in primo luogo la cultura, intesa come costo piuttosto che come risorsa, senza produrre, però, un serio e documentato dibattito sui differenti e ampi valori economici che gli investimenti in cultura possono produrre.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 24 - giugno 2010

Le potenzialità dei nuovi pubblici e delle tecnologie in campo culturale

di Giulia Agusto

I più attenti osservatori del settore culturale ci invitano da tempo a non sottovalutare le tendenze della società contemporanea destinate a produrre effetti evidenti e non facilmente prevedibili sia sulla produzione che sulla fruizione culturale. Mantenendo l’attenzione focalizzata sulle dinamiche relative alla fruizione, è indubbio che le nuove modalità di interazione offerte dalle tecnologie, la democratizzazione della conoscenza e l’avvento di nuove fasce di pubblico, sono trend che già permeano ed influenzano il panorama attuale.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 23 - maggio 2010

Nuovi spazi per la cultura, nuovi protagonisti della cultura

di Ludovico Solima

Partendo da differenti prospettive di analisi, i contributi di Bruno Zambardino e Barbara Camocini propongono interessanti spunti di riflessioni sulla questione dell’adeguamento, o se si preferisce dell’innovazione, degli spazi contemporanei a servizio della cultura. I punti di vista degli autori, così come i temi sviluppati, sono naturalmente molto diversi tra loro, ma entrambi forniscono un prezioso contributo su questo tema.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 22 - aprile 2010

Dal mondo delle icone al mondo della conoscenza

di Michele Trimarchi

A che serve la cultura? La questione non è da poco, e se c’è un momento in cui è opportuno porla è proprio questo scomposto e bizzarro presente. Siamo cresciuti sotto il riparo di una cultura che – nella vulgata – fa del bene all’umanità, e adesso la ritroviamo claudicante, meticcia, contraddittoria. Ma non vale la pena spendere energie all’inseguimento dei laudatores temporis acti. Non c’è mai stata una società così tanto alfabetizzata come la nostra. Piuttosto, prendiamo atto che il ruolo della cultura cambia radicalmente, e che molti dei punti fermi del passato anche recente vanno quanto meno verificati, se non direttamente revocati in dubbio.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 21 - marzo 2010

La vera emergenza è la fine della cultura della prevenzione

di Massimo Zucconi

A che punto stiamo, davvero, con la protezione e l’utilizzo sociale del patrimonio culturale e dei parchi italiani? Questa la domanda sostanziale che sottintende i contributi di Marco Eramo e di Federica Gandolfi pubblicati in questo numero di Tafter Journal. Una domanda assolutamente pertinente in un paese abituato a declamare buoni propositi, a partire dalla Carta Costituzionale, e a negarli clamorosamente. Terremoti, frane, inondazioni, disastri ambientali, ci ricordano ciclicamente il “costo” umano ed economico delle nostre distrazioni e l’abbandono della cultura della “prevenzione” e della “manutenzione” a partire dal patrimonio pubblico e dal territorio.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 20 - febbraio 2010

Marchi culturali e territoriali

di Giulia Agusto

Concetti legati alla creazione, accumulazione e scambio di conoscenza sono diventati tipici dei filoni di ricerca atti ad indagare i fenomeni emergenti su scala territoriale. Sebbene sembrino essere ad una prima occhiata concetti antitetici, il territorio – essenza fisica, presente, tangibile – e la conoscenza, immateriale, dai contorni sfumati e priva di caratteristiche fisiche, assumono un senso proprio quando sono contestualizzati all’interno di un luogo, di un’area territoriale in cui si produce la scintilla della creatività.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 19 - dicembre 2009/gennaio 2010

Il nuovo Tafter Journal

di Stefano Monti

Tafter Journal vi accompagnerà ogni mese con nuovi contributi nazionali ed internazionali, ed insieme saranno inaugurate diverse nuove sezioni che amplieranno l’offerta della testata. In un momento di grande difficoltà politica, il settore culturale – inteso nella sua accezione più ampia e fertile – registra una vitalità ignorata, attivando canali di produzione e di scambio innovativi e coinvolgenti, stimolando una crescente partecipazione diffusa ai temi e alle scelte culturali. Il nostro impegno, quindi, sarà rivolto, come è stato fino ad ora, a dare spazio ai contributi più interessanti della comunità scientifica, ma soprattutto agli operatori che ogni giorno si confrontano con i temi legati al territorio e alla sua valorizzazione. Il nostro occhio sarà sempre più puntato a casi e realtà internazionali: questa decisione è stata presa, non solo dalla nostra esigenza di porci su una dimensione europea, ma soprattutto perché in questi mesi abbiamo ricevuto una grande attenzione da parte della comunità scientifica internazionale.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 18 - novembre 2009

I musei sono “servizi pubblici” di prossimità?

di Emilio Cabasino

Al cittadino medio del nostro paese non è certo mancata nell’arco della propria vita la frequentazione di uffici di servizi pubblici, come quello postale o anagrafico. Fatte salve le eccezioni e le negligenze che ciascuno di noi può sempre enumerare, nel corso di questi ultimi vent’anni si è assistito ad un netto miglioramento […]

Leggi tutto

Tafterjournal n. 17 - ottobre 2009

La forza delle comunità locali e del capitale umano

di Manuela Ricci

Credo si possa affermare con una certa tranquillità che il nostro futuro dipende dalla capacità che il Paese avrà di imprimere una svolta all’accrescimento della qualità del suo capitale umano. La situazione attuale della formazione, a tutti i livelli scolastici e universitari, è piuttosto critica per la carenze di risorse economiche e umane; oltretutto è critica a fianco della carenza quantitativa anche quella qualitativa. I sistemi di valutazione in Italia stentano ad affermarsi.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 16 - settembre 2009

Le dimensioni della creazione di valore attraverso la cultura: distretti e responsabilità sociale di impresa

di Giulia Agusto

Due facce della stessa medaglia, due esempi di corto-circuito positivo tra mondo economico, cultura e dimensione territoriale. Da una parte il fenomeno del distretto culturale avviato in Canada, dall’altra il coinvolgimento delle imprese profit nel settore culturale. In entrambi i casi, interventi pratici che danno conto di come evolve la teoria quando diventa realtà.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 15 - luglio-agosto 2009

(Ri)disegnare e (Ri)progettare città e territori: tra le urgenze di una catastrofe e il diletto di una Scuola estiva internazionale

di Emilio Cabasino

Una catastrofe distruttiva e luttuosa e un incontro seminariale tra esperti di tutto il mondo che si confrontano sull’efficacia del design come strumento di crescita della comunità del territorio, due eventi assai distanti tra loro, eppure possibili occasioni di migliorare il nostro modo di stare al mondo e di progredire nella costruzione di civiltà. La prima, certo, mai auspicabile, ma di fatto accaduta, la seconda costruita con paziente lavoro tra ricercatori ansiosi di verificare ipotesi e approcci professionali, che allargano la propria sfera d’azione al disegno dei territori.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 14 - giugno 2009

Socialmente coinvolti

di Giulia Agusto

L’impresa sociale è una delle recenti forme che l’impresa ha assunto negli ultimi anni. Analogamente a quanto succede nel caso dell’impresa culturale, essa sembra, ad un primo sguardo, assumere più che altro le sembianze di un ossimoro difficilmente comprensibile e spiegabile. Quanto succede di interessante nella pratica, codificata solo di recente, è la creazione di una sorta di modello messo in atto dalle tipiche forme di imprese sociale basato su un’azione imprenditoriale nella quale prevalgono trasferimenti monetari di tipo redistributivo, i quali riescono a mantenere l’efficacia e la sostenibilità dell’impresa stessa.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 13 - maggio 2009

La cultura “integrata” alla socialità

di Giulia Agusto

Forme distrettuali avanzate, cultural district, processi decisionali partecipati, network sociali. Il massimo comune denominatore è, sia che si parli di sviluppo urbano, sia che si considerino le manifestazioni culturali, la partecipazione allargata e diffusa. Conviene però interrogarsi se e fino a che punto si tratti di soluzioni percorribili, e fino a quanto si rischi la retorica.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 12 - marzo-aprile 2009

Complessità sociale e pluralismo culturale

di Stefano Monti

Sulle pagine di Tafter Journal abbiamo affrontato più volte il tema del linguaggio e del racconto come elementi cardine ed indissolubili delle modificazioni di un territorio. Il compito che ci siamo dati è stato quello di porci di fronte alle tematiche dei luoghi e delle loro trasformazioni come osservatori attenti a descriverne i mutamenti. Il nostro impegno è più che mai, ora, imperniato ad un studio e ad una forte comprensione della complessità sociale e del pluralismo culturale della nostra società.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 11 - febbraio 2009

Cultura al governo! Il governo alla cultura!

di Emilio Cabasino

Le pagine (elettroniche) di questa rivista hanno più volte richiamato la nostra attenzione sui temi della legislazione pertinente il patrimonio culturale e, da ultimo, ci propongono l’esperienza dell’Inghilterra in materia di sostenibilità ambientale della produzione culturale. Due facce di una stessa medaglia, che sembra, però, assumere un valore sempre più debole in un Paese come il nostro in cui le priorità politiche vengono con evidenza poste altrove. La contraddizione palese tra dettato Costituzionale (art.9) e gli scempi ambientali e le perdite di memorie storiche irripetibili, che hanno marcato il nostro passaggio da un’economia agricola a una economia industriale e terziaria nel sessantennio dal secondo dopoguerra ai giorni nostri, stanno ad indicarci chiaramente i valori di riferimento di coloro che ci hanno governato in questo periodo.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 10 - dicembre 2008 - gennaio 2009

Ricercare per innovare. Nuovi strumenti e linguaggi per comunicare

di Giulia Agusto

Innovazione è la parola d’ordine alla quale a più riprese si fa ricorso per giustificare azioni ed interventi nel settore della cultura (e non). In questo senso, è il comparto dei musei luogo eletto di sperimentazione e di introduzione di normative ad hoc, strutture gestionali e nuove pratiche. Vale la pena seguire le “innovazioni” proposte, poiché l’ambito dei musei spesso funge da paradigma per l’intero settore culturale. Non a caso, infatti, l’ultima modifica proposta dal ministro dei Beni culturali, l’istituzione del super manager, direttore unico a cui è affidato il coordinamento generale di circa quattrocento strutture museali statali, che tante polemiche ha provocato, si concentra proprio sul funzionamento del sistema dei musei. Senza voler entrare nel merito della proposta, si sottolinea, però, quanto sia importante architettare sistemi di gestione che richiamino ad una reale efficacia di funzionamento del sistema.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 9 - novembre 2008

Le ragioni della tutela

di Massimo Zucconi

Difesa del paesaggio, del patrimonio storico, delle attività artistico-culturali, degli standard di vivibilità urbana, degli spazi pubblici, dell’ambiente minacciato da uno sviluppo quantitativo che non considera i limiti naturali delle risorse esauribili. Difesa. Questo il bollettino quotidiano dello scontro epocale, e del tutto inedito, tra natura, cultura e sviluppo. Uno scontro che vede contrapposte due ragioni: quella che identifica lo sviluppo con la crescita continua (di merci) e quella della tutela dell’ambiente e della cultura.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 8 - ottobre 2008

Grande e piccolo. I pilastri per riassegnare valore d’uso al patrimonio esistente

di Manuela Ricci

Da qualche tempo sono riprese sulla stampa le denunce relative al consumo di suolo e all’intensità delle nuove realizzazioni edilizie. Questo fenomeno, mettendo insieme numeri e quantità, appare massiccio. Stando a un recente articolo di Carlo Petrini su Repubblica, negli ultimi 15 anni sarebbero spariti in Italia più di 3 milioni di ettari di superfici libere con un’estensione maggiore del Lazio e dell’Abruzzo. Va, però, evidenziato che nel Paese ferve una significativa attività di riuso del patrimonio della città esistente, di quella più propriamente storica e di quella consolidata.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 7 - settembre 2008

Il nome del territorio

di Giulia Agusto

La grana di un territorio, per dirla con Kevin Lynch, inteso quale mix delle varie modalità in cui i diversi elementi costitutivi di un insediamento – attività, persone, edifici – si affastellano nello spazio, richiama ad un senso del luogo al quale può essere associata un’immagine storica in grado di identificare quel luogo e solo quel luogo. Quando le pubbliche amministrazioni più lungimiranti attivano procedimenti, sistemi di programmazione, attività per supportare e veicolare il nome del contesto locale di appartenenza, si può assistere a casi di intervento particolarmente innovativi nella loro specifica impronta di intervento.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 6 - luglio-agosto 2008

La capacitazione attraverso la creatività

di Giulia Agusto

Si fa un gran parlare di crescita, crescita intesa in termini economici, in termini di prodotto interno lordo, ci si interroga spesso anche sul valore da assegnare a questi indicatori, su quanto essi possano essere considerati affidabili per misurare il benessere dei cittadini. Il dibattito vede contrapposte le ragioni dei numeri, puramente basata sulla produzione di prodotti e servizi, con quelle della vivibilità, dell’accrescimento delle capacità dei singoli e, dunque, della comunità cui essi appartengono.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 5 - giugno 2008

Strade verso una valorizzazione sostenibile

di Giulia Agusto

Rigenerare, favorire l’accesso, migliorare la qualità della vita, principi cardine degli interventi sugli ambienti urbani e metropolitani che si stanno affermando negli ultimi tempi con l’obiettivo di facilitare la visita e la permanenza dei turisti. I piccoli ed i grandi centri urbani sono accomunati dalla ricerca delle modalità migliori per attirare ed accogliere i nuovi turisti, i quali hanno sempre meno le sembianze dei turisti famelici ed improvvisati, ed assumono le sembianze di visitatori in punta di piedi, rispettosi della cultura e dell’anima delle città.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 4 - maggio 2008

Allenare lo sguardo sul territorio

di Giulia Agusto

Allenare lo sguardo, insegnare la sensibilità nei confronti della comunità e del territorio, accrescere la consapevolezza degli abitanti attraverso l’uso di strumenti e chiavi di lettura inusuali: ecco cosa succede quando si utilizza il filmato video quale strumento di narrazione e di interpretazione del territorio. Il valore delle immagini diventa funzionale, in questo senso, all’attivazione di corto-circuiti comunicativi efficaci per esplicitare le dinamiche del territorio.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 3 - aprile 2008

Narrazioni interattive e ricordi di comunità

di Giulia Agusto

I ricordi riflettono le nostre esperienze vitali ci fanno rammentare episodi, aneddoti, si intersecano alle nostre azioni e rafforzano l’immagine che abbiamo di noi come individui singoli, ma anche come appartenenti ad un luogo.
Esattamente come una foto o un’immagine, arricchita di supporti sonori e video, i supporti multi-mediali sono in grado di richiamare alla mente il contesto emotivo ricco e sfaccettato che caratterizza un luogo, amplificandone il senso per chi lo abita, lo sperimenta, lo vive.

Leggi tutto

Tafterjournal n. 2 - gennaio 2008

Pratiche di ascolto attivo

di Giulia Agusto

Le comunità, le loro differenti potenzialità espressive, evidenziate nelle culture dei territori, intessute di materiale ed immateriale, vita quotidiana e aspettative future, disegnano traiettorie che non sono lineari, a volte dagli esiti critici – come puntualmente ci hanno segnalato gli articoli di Ricci e Cabasino. Eppure, per altri versi, impreviste sono le capacità […]

Leggi tutto

Tafterjournal n. 1 - ottobre 2007

Ricchi di territorio: puntare sulla coscienza civica

di Manuela Ricci

Territorio è divenuto ormai una parola “densa”, densa di significati, di progetto, di aspettative, non solo per gli urbanisti, che da sempre lo frequentano, ma anche per gli economisti e per gli operatori della cultura. Territorio è un coacervo di luoghi fisici, di comunità che lo abitano e lo attraversano, di forze e […]

Leggi tutto