Post2PDF Stampa questo articolo Segnala l’articolo
  • Digg
  • del.icio.us
  • Facebook
  • FriendFeed
  • StumbleUpon
  • Twitter
  • Wikio

Tafterjournal n. 5 - giugno 2008

Strade verso una valorizzazione sostenibile

di

Rubrica: Editoriali

Parole chiave: , ,


Rigenerare, favorire l’accesso, migliorare la qualità della vita, principi cardine degli interventi sugli ambienti urbani e metropolitani che si stanno affermando negli ultimi tempi con l’obiettivo di facilitare la visita e la permanenza dei turisti. I piccoli ed i grandi centri urbani sono accomunati dalla ricerca delle modalità migliori per attirare ed accogliere i nuovi turisti, i quali hanno sempre meno le sembianze dei turisti famelici ed improvvisati, ed assumono le sembianze di visitatori in punta di piedi, rispettosi della cultura e dell’anima delle città.


Nuove forme di valorizzazione territoriale si sviluppano nei centri di piccole e grandi dimensioni, e nuove logiche di intervento più strettamente legate al fattore esperienza, alla sostenibilità delle soluzioni gestionali e alla partecipazione delle comunità locali. Sostenibile e compatibile, sebbene termini abusati e logori, individuano una sensibilità verso l’ambiente – fisico e culturale – delle città ed invitano a creare le condizioni per favorire creatività e innovazione.

E’ il caso del fenomeno dell’ospitalità diffusa – borgo albergo, albergo diffuso – sempre più connaturato ai piccoli centri in possesso di un patrimonio edilizio da valorizzare e luogo di elezione per quel turismo di nicchia che costituisce alternativa al violento impatto del turismo di massa. Anche gli interventi architettonici immediatamente visibili operati nelle grandi città a cura delle maggiori firme dell’architettura si muovono nella stessa direzione in quanto ambiscono sia ad attrarre il target dei turisti culturali, che a costruire un’identità legata a fattori unici ed irripetibili come quelli assicurati dalle manifestazioni tangibili ed intangibili della cultura, ivi compresi i grandi eventi.

In entrambi i casi, nel caso dei piccoli centri “albergo”, come delle capitali legate alla cultura, si registra una rinnovata attenzione verso forme di riqualificazione “gentili” attraverso cui ri-posizionarsi nell’ambito del sistema competitivo territoriale internazionale.